Altri 305 cittadini potranno incassare gli ottocento euro

Non si placano le polemiche sui canali trappola che hanno contribuito a moltiplicare gli effetti devastanti del l'alluvione del 18 novembre scorso. E continua anche la caccia ai responsabili degli abusi e degli scempi ambientali all'origine delle situazioni di pericolo. È il caso del rio Siligheddu, nel rione Maltana, dove l'altro ieri la polizia locale hascoperto una vera e propria diga costruita sul canale ammassando rifiuti e materiali residui di cantiere. Gli agenti guidati dal comandante Gianni Serra, hanno sequestrato una vasta area intorno al rio Siligheddu, e ora sono al lavoro per individuare il responsabile della discarica che ha ostruito il corso del fiume. Ieri mattina, negli uffici del comando della polizia locale, a Poltu Cuadu, è stato sentito il proprietario del terreno, che però avrebbe dimostrato di essere estraneo ai fatti. Gli investigatori stanno dunque continuando a raccogliere elementi per individuare chi ha realizzato le opere abusive ed eventualmente per conto di chi. (d.b.) di Enrico Gaviano wOLBIA Il Comune continua a erogare i risarcimenti agli alluvionati. Dopo la prima tranche di 480 persone, che possono in questi giorni recarsi in tutte le filiali del Banco di Sardegna di Olbia e ritirare il contributo una tantum di 800 euro, da martedì potrà accedere al risarcimento, sempre con le stesse modalità, anche un secondo gruppo di alluvionati. Si tratta di altre 305 persone che potranno ottenere il contributo per il parziale ripristino dell'arredo dell'abitazione compromessa dall'alluvione del 18 novembre. Ovviamente tutte persone che hanno presentato istanza nei termini previsti e che sono in possesso dell'ordinanza di sgombero per l'inagibilità dell'abitazione. Anche in questo caso, come per quanto riguarda i primi nominativi dati nei giorni scorsi, l'erogazione dei fondi si è resa possibile dopo le attente verifiche, ancora in corso, da parte della polizia locale. Controlli a tappeto che hanno anche permesso di scoprire decine di dichiarazioni false o, comunque, non meritevoli di essere accolte per svariati motivi. «Ricordo ancora – dice il sindaco Gianni Giovannelli – che si procederà a breve con un ulteriore successivo provvedimento alle liquidazioni dei contributi a favore di tutti gli altri cittadini che hanno diritto a ottenere questo risarcimento. Operazione che faremo appena si concluderanno tutte le verifiche in corso». Il sindaco sottolinea il numero totale degli aventi diritto. «Si arriverà a erogare il contributo una tantum – ricorda Gianni Giovannelli – a favore di circa 1200 cittadini. I contributi sono ottenuti dalle somme confluite nel conto corrente del comune di Olbia dalle varie donazioni. Si tratta di 1 milione e 600mila euro che ovviamente ora saranno decisamente erosi dalla liquidazione di questi risarcimenti. La cifra, vorrei rammentarlo, compare in evidenza nel sito istituzionale del comune» A proposito di sito istituzionale del comune di Olbia (indirizzo www.comune.olbia.ss.it) è utile ricordare che i nominativi dei beneficiari del contributo sono riportati nella home page del sito. Chi deve ritirare il contributo lo può fare presentandosi in banca con un documento. Ovviamente i risarcimenti non si fermano qui. Il Comune conta di ricevere nuove donazioni, oltre a quelle già previste e che presto confluiranno di Caritas e di Croce Rossa e a quelle di elettrodomestici che già sono stati assegnati in gran numero agli alluvionati. «Ci aspettiamo certamente – conclude il sindaco di Olbia – nuovi finanziamenti, da Governo nazionale e Regione. Finanziamenti cospicui che possano servire intanto al ripristino delle opere pubbliche danneggiate e a ristorare i cittadini e le imprese. Fra le iniziative dell'amministrazione comunale ricordo anche quella delle borse di studio a favore degli universitari figli di cittadini coinvolti nell'alluvione. Le domande per tutti coloro che ne hanno diritto, compresi i figli di gestori di attività commerciali coinvolte nell'alluvione, si possono presentare sino al 14 marzo» ©RIPRODUZIONE RISERVATA