Aerei, fumata bianca per la continuità


CAGLIARI. La nuova continuità territoriale aerea c'è. O meglio ci sarà dalla primavera del 2012, con la tariffa unica e un solo prezzo da Cagliari, Olbia e Alghero per Roma (45 euro al netto delle tasse) e Milano (55). Fino ad allora andrà avanti il vecchio contratto. È in scadenza, a fine mese, e dovrà essere subito prorogato, per evitare che le compagnie continuino a svuotare la mappa dei voli. Martedi l'ha fatto l'Alitalia su Alghero, ieri Meridiana su Olbia.
La cornice.È stata decisa ieri nella seconda e decisiva giornata della conferenza di servizio. A firmare l'accordo sono stati la Regione, assente Cappellacci, in Consiglio per il Piano casa, al tavolo c'era l'assessore Christian Solinas, l'Enac e il ministero. Fra i prossimi passaggi obbligatori a Roma e a Bruxelles saranno necessari altri due mesi per la pubblicazione del decreto.
La gara.Sarà internazionale e in due fasi. La prima entro trenta giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea, prevede l'accettazione da parte dei partecipanti degli oneri di servizio pubblico sulle rotte da e per Roma e Milano. Cioè: dovranno volare ai costi stabiliti dalla Regione senza avere in cambio nessun compensazione. Se questa prima fase - come finora è sempre accaduto - dovesse andare deserta, allora partirà l'asta, con offerte al ribasso non sui biglietti ma sulla quota di compensazione che le compagnie incasseranno per la minor redditività visto l'impegno di garantire comunque il servizio pubblico aereo. In entrambi i casi, chi vince avrà l'esclusiva (quattro anni) sulle rotte conquistate.
I soldi.La Regione - che dal 2001 ha in carico i costi della continuità - metterà sul piatto 50 milioni per le compensazioni, ma solo se e quando scatterà la fase due, quella delle aste. La Giunta sostiene di aver già individuato le fonti da cui prelevare i soldi.
I prezzi.Rispetto agli attuali sono al ribasso. Il risparmio sarà di quattro euro su Roma (da 49 a 45) e dello stesso importo su Milano (da 59 a 55). Certo, sono tariffe alo netto delle tasse ma l'accordo prevede una sforbiciata anche sulle gabelle finora imposte dalle compagnie: dai biglietti da e per la Sardegna l'anno prossimo saranno cancellati i sei euro della crisis surchage, esiste dall'11 settembre 2001, l'attacco alle Torri gemelle a New York. Non è finita, cambierà anche il meccanismo delle prenotazioni e delle vendite, col risultato che, ad esempio, l'Alitalia non potrà più pretendere gli attuali cinque euro di commissione sull'acquisto via internet.
Qualità del servizio.È tutta da decidere, dal numero dei voli agli aerei impiegati. La griglia sarà decisa in tempi stretti e comunque è stata annunciata «molto stretta».
Le altre rotte.Col risparmio ipotizzato attraverso le aste al ribasso, la Regione metterà sul piatto una decina di milioni per incentivare le compagnie a volare sulle rotte diverse da Roma e Milano, adesso escluse dalla nuova continuità territoriale, quella con la tariffa unica e un costo del biglietto uguale da e per i tre aeroporti sardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Umberto Aime