Meridiana, salta l'Olbia-Cagliari

OLBIA.Il volo Olbia-Cagliari è a rischio. Meridiana fly l'ha cancellato dal proprio network a partire da novembre. Per ora, salta quello della domenica, ma potrebbe essere azzerato anche durante la settimana lavorativa. La denuncia arriva da Gigi Carbini, comandante della compagnia, consigliere provinciale. Ieri, proprio in via Nanni, la commissione Trasporti ha incontrato l'ad della compagnia, Giuseppe Gentile. Il quale, reduce da un incontro sindacale a Roma, ha chiarito che l'azienda è a rischio fallimento (senza i soldi dell'Aga Khan, sarebbe già fallita) e che, comunque, è sua intenzione ricercare soluzioni condivise.
Un primo passo in questa direzione è stato fatto sugli equipaggi che da Olbia saranno trasferiti a Cagliari, la cui base sta diventando la più imporante in Sardegna. Inizialmente, piloti e hostess dovevano andare a Elmas d'ufficio e in pianta stabile. Ora, dopo le proteste dei sindacati, è stato raggiunto un primo accordo: gli spostamenti ci saranno, ma a tempo determinato. Insomma, gli equipaggi andrano a Cagliari per il periodo invernale e torneranno a Olbia - se ci saranno più voli - per quello estivo.
Sull'asse Olbia-Cagliari, poi, è emerso un altro problema: la compagnia ha intenzione di cancellare il volo fra i due aeroporti. E' già in parte cosi: domenica prossima, per esempio, la tratta non è in programmazione.
Il caso è stato sollevato in Provincia, ieri pomeriggio. Carbini ha chiesto all'ad Gentile di spiegare come cambierà il network invernale della compagnia, in particolare per i voli di Olbia, il cui aeroporto è stato declassato dal nuovo piano industriale.
Infatti, a fronte di 5 aerei Md dislocati a Cagliari, a Olbia ce ne saranno solo 2. Quelli, insomma, sufficienti per coprire le rotte della continuità territoriale per Linate e Fiumicino e, forse, anche per Bologna e Torino. Sempre che la continuità venga confermata. Quella attuale scade proprio il 31 ottobre e, al momento, il ministero dei Trasporti non l'ha prorogata fino a marzo. Senza quell'atto, il regime salterebbe e le compagnie sarebbero libere di muoversi senza alcun vincolo.
In più, c'è la partita sulla tariffa unica. La Regione la vuole a partire proprio dalla prossima stagione estiva, mettendo cosi sullo stesso piano residenti in Sardegna e no. Le compagnie, come hanno detto avant'ieri a Cagliari, non sono d'accordo perché i loro guadagni andrebbero in fumo. Un altro guaio per Meridiana fly.