Vargiu (Adiconsum): «Basta con l'eccesso di protezionismo»

ORISTANO.«Speriamo solo che i politici regionali da questa sentenza traggano consiglio e capiscano che il protezionismo estremo non salva da nulla, neppure dalla liberalizzazione selvaggia».
Le parole di Giorgio Vargiu, segretario regionale dell'Adiconsum dimostrano come il caso Olbia stia mettendo in allarme anche i consumatori. «Perchè la liberalizzazione estrema, o meglio, selvaggia, dertermina un mercato senza regole. Che non tutela nessuno, non solo i piccoli commercianti che non sono attrezzati per reggere forme di concorrenza cosi spinte, ma anche i consumatori che ad esempio, non avranno più garanzie anche sotrto il profilo della qualità dei prodotti».
Secondo Adiconsum Sardegna però a rischiare il posto di lavoro, nel caso di una ulteriore espansione della grande distribuzione, non saranno solo i commercianti e i loro dipendenti. «In pericolo si metterebbe una larga fascia dell'economia locale, quella della produzione agro industriale, ad esempio. Perchè non sarebbe in grado di stare alle regole rigide, anche sui prezzi, che verrebbero imposte».
Secondo Vargiu, però, c'è ancora la possibilità di trovare soluzioni diverse, anche dal punto di vista normativo. «A una condizione: che i politici regionali non ascoltino più unicamente i commercianti, cosi da fare una legge soltanto protezionistica. Sarebbe bene ascoltare anche i consumatori, che del resto sono i destinatari finali, dunque, voce fondamentale».
M.C.