A " To' come giro" la Rotary Cup

CAGLIARI.Trentaquattro barche, una giornata estiva e un discreto vento, inizialmente da maestrale che ha poi cambiato direzione e girato dai quadranti meridionali. Gli ingredienti c'erano davvero tutti alla Rotary Cup, la spettacolare regata d'altura organizzata dai circoli cagliaritani dello Yacht Club e della Lega Navale con i patrocinio del Rotary Club Cagliari Sud e Sassari Nord. Un successo, la manifestazione rotariana che si è posta come obiettivo la solidarietà: il ricavato delle quote d'iscrizione sono andate alla Rotary Foundation, una delle più importanti organizzazioni non governative a livello mondiale che devolverà interamente i fondi al programma 'Polio Plus" per sconfiggere la poliomielite nei paesi in via di sviluppo.
E gli equipaggi, visto anche lo spirito nobile della competizione (aperta anche alle imbarcazioni della classe Crociera), sono scesi in mare ancor più motivati, affrontandosi su un percorso costiero che si è snodato tra Marina Piccola e Capitana. Ad aggiudicarsi il trofeo della regata, sia in tempo compensato che in reale, è stato To' come giro di Tore Plaisant, che ha concesso il bis dopo la vittoria ottenuta nella passata edizione. In seconda posizione Enif, il First 40.7 condotto dal sassarese Alberto Roggero, seguito da Abbardente di Sandro Loche e da For Me di Anna Bonomo. Una Rotary Cup particolare, rispetto alle edizioni degli anni passati, quella di quest'anno perché ha messo in palio il trofeo 'Unità d'Italia, vinto da Tatsum di Filippo Dore, timonato da Maurizio Loi (windsurfista cagliaritano che nel 1984 tenne a battesimo la tavola a vela nei Giochi di Los Angeles).

Sergio Casano