Il record nell'edizione 1988: venduti 37 milioni di tagliandi

ROMA.La Lotteria Italia del 1988 fu quella che riusci a vendere il maggior numero di biglietti: oltre 37,4 milioni, un successo che si spiega con una splendida edizione del programma «Fantastico». Anche il binomio Lotteria Italia-Carlucci, però, si è dimostrato vincente per quanto riguarda la vendita dei tagliandi. La Carlucci, infatti, presentò insieme con Fabrizio Frizzi lo show «Scommettiamo che?» nella stagione 1995-96: 32 milioni di biglietti venduti, record assoluto negli ultimi dieci dieci anni.
L'anno successivo, toccò alla Carrà con il suo 'Carramba": i tagliandi venduti furono 31,9 milioni.
Con il programma «Fantastico Enrico», condotto da Enrico Montesano, la Lotteria 1997/98 ebbe un tracollo: 19,2 milioni i tagliandi acquistati dagli italiani (-40,9 per cento). Il compito di guidare la riscossa della Lotteria più famosa venne affidato nuovamente alla Carrà che, riproponendo «Carramba», recuperò in due edizioni (1998/99 e 1999/2000) le perdite: 25 milioni di biglietti nella seconda edizione (+30,5 per cento) e 28 milioni nella seconda (+12). Il connubio Carrà-Lotteria Italia prosegui anche nell'edizione 2000/2001, ma questa volta la vendita dei tagliandi registrò un segno negativo: 2,5 milioni di tagliandi in meno venduti (-8,9). Il calo nella vendita dei biglietti prosegui anche nelle edizioni della Lotteria Italia 2001-2002-2003: con «Torno Sabato», programma di Giorgio Panariello, la diminuzione delle vendite fu del 30%, l'anno successivo «Uno di Noi», trasmissione condotta da Gianni Morandi, riusci a limitare i danni con un decremento nella vendita dei tagliandi dello 0,5% (17,9 milioni di biglietti). Infine, l'anno successivo, con Giorgio Panariello, un nuovo calo dell'8,8%.
Nell'edizione 2004, con i «pacchi» di Paolo Bonolis, i biglietti venduti furono 18,7 milioni, mentre negli ultimi due anni, con «Ballando sotto le stelle», si è registrato un calo (15,2 e 15,7 milioni) di tagliandi.