A due scrittrici il primo riconoscimento per le sezioni poesia e racconti Premio «Alziator», tutti i vincitori


CAGLIARI. Due donne si aggiudicano il primo premio per la poesia e il racconto del Premio letterario in lingua sarda «Alziator» Sono Albina Angioni di Monserrato per l'opera poetica «Pensamentos» e la cagliaritana Marina Danese per il libro «Missa 'e puddu». Nella sezione Poesias si sono piazzati: al secondo posto Ignazio Lecca di Villacidro con «Circai sa parti», al terzo Ida Patta di Samugheo con «Arrastu». Per i Contus, altri classificati sono Marcella Caria con «S'omini chi no hiat a essiri partiu» (secondo premio) e Totoi Mura di Sassari con «Giuannanzelu «Valery» su mericanu» (terzo). A «Deo si su professore» di Salvatore Nurra di Borore è andato il primo premio per la drammaturgia. A Sergio Murru, con «Billendi...Billendi» è andato il secondo, mentre il terzo è stato attribuito a Giampaolo Loddo per «Notti de cena in domu de Serafinu». Per la sperimentazione scolastica, premio speciale al laboratorio teatrale «Su laoreddu» dei ragazzi della quarta C e quinta A della scuola «Lamarmora» di Dorgali coordinato da Rina Masuri. Per i Saggius infine, la giuria presieduta da Nereide Rudas ha premiato _ nel corso di una cerimonia avvenuta giovedì sera nella sede degli Amici del Libro _ l'ispanista Luigi Spanu per la carriera e l'attività di ricerca e divulgazione dell'opera di Alziator (w.p.)