Balzaretti compie un passo avanti verso la poltrona

ferraraDomani inizia la settimana che potrebbe risultare decisiva per la scelta, la nomina e l'ufficializzazione del nuovo direttore sportivo della Spal. Entro il 6 di giugno il club biancazzurro è chiamato a colmare il vuolo creato dall'addio di Davide Vagnati, passato al Torino. Ormai si va verso la ripresa del campionato, ed anche il mercato è in pieno fermento. Se non si può già parlare di finestra vera e propria, basta osservare i movimenti di tante società per rendersi conto che le trattative in vista della prossima stagione (che inizierà a tambur battente poco dopo la conclusione di questa che va a riprendere) sono già pienamente in corso. La Spal, quindi, non può permettersi di restare ancora a lungo senza un diesse. lo scattoAl proposito, il ballottaggio - come noto - è quello tra Federico Balzaretti e Giorgio Zamuner. Il primo era scattato in pole, il secondo si era considerevolmente riavvicinato. E adesso, com'è la situazione? Le ultimissime notizie parlano di un forte orientamento della Spal confermato in direzione di Balzaretti. Possibile, se non probabile. Tra l'altro risulta che nonostante Balzaretti abbia trascorso i lunghi mesi di lockdown nella sua residenza di Ibiza, insieme alla famiglia, le parti in realtà abbiano già avuto un incontro.Adesso bisogna capire se in questi giorni in arrivo la dirigenza spallina effettuerà un ultimo giro di consultazioni, oppure se il presidente Walter Mattioli ed il direttore generale Andrea Gazzoli rimetteranno semplicemente le loro conclusioni ai patron Francesco e Simone Colombarini, per poi effettuare una scelta congiunta, pienamente condivisa. le discriminantiBalzaretti sarebbe al primo incarico da diesse, dopo l'esperienza dirigenziale di scouting alla Roma. Zamuner, invece, andrebbe ad occupare un ruolo già rivestito al Pordenone ed al Padova. Nonostante si sia parlato di una decisione da prendere anche sulla scorta della categoria in cui militerà la Spal, è evidente che non si potrà aspettare di conoscere i verdetti della stagione prima di nominare il nuovo diesse. Inoltre, la discriminante non può essere la serie A o la serie B: come gli allenatori, ed i giocatori, debuttano, può farlo anche Balzaretti, che l'ambiente lo conosce a menadito; e come gli allenatori, ed i giocatori, salgono di categoria, altrettanto può accadere per Zamuner, che del calcio, delle dinamiche di mercato, dei rapporti con i giocatori (e del mondo Spal, e dell'ambiente ferrarese) sa tutto. il bomberIntanto, nemmeno il tempo di citarlo ed uno dei possibili obiettivi di mercato della Spal pare già allontanarsi. Il centravanti Francesco Forte, bomber della Juve Stabia in serie B, è stato riscattato dalla società campana, che ha esercitato l'opzione prevista al momento dell'acquisizione in prestito dell'attaccante dai belgi del Beveren. Ora, Forte è tutto della Juve Stabia, quindi un'eventuale trattativa andrà condotto con le "vespe" e poggerebbe su basi piuttosto onerose. -© RIPRODUZIONE RISERVATA