Crosa, test severo al Palagolfo

FOLLONICA.Ultima fatica dell'anno per il Crosa Follonica Basket che chiude sia il 2004 che il girone di andata fra le mura amiche. Di fronte agli azzurri di Bini il Genova Basket Chiavari, l'ennesimo test di alto livello per la compagine follonichese. Al "Palagolfo" alle ore 18 si sfideranno infatti due fra le squadre più titolate del torneo: decisamente più continui i liguri, partiti per vincere la classifica e tutt'ora a stretto contatto con il vertice della graduatoria a sole due lunghezze dalla capolista Cus Siena; più "eclettici" i maremmani, costretti adesso ad inseguire dopo un inizio di stagione positivo.
Gli azzurri arrivano all'ultima partita dell'anno in condizioni fisiche non proprio eccellenti: fra infortuni, malanni di stagione e guai dell'ultim'ora in pratica metà della rosa follonichese ha saltato qualche seduta di allenamento. Marzi deve lottare con i soliti acciacchi che lo hanno tenuto lontano dal parquet anche in settimana, Pau si è procurato una distorsione che lo dovrebbe tenere se non in tribuna al massimo in panchina per la gara di oggi, Buccianti ha problemi alla caviglia ormai da una settimana, Simonella non si è allenato al massimo e Francardi sta smaltendo un fastidioso virus influenzale. In queste condizioni non è certamente facile allestire un gruppo in grado di affrontare la seconda forza del campionato ma le potenzialità tecniche del Follonica garantiscono comunque che sarà una sfida aperta.
Il Chiavari ha dalla sua una difesa asfissiante e maschia che spesso risulta decisiva ai fini del risultato, specie se gli arbitri decidono di far giocare; in caso di tolleranza più bassa allora le forze in campo si riequilibrano e il Follonica punta proprio su un metro di giudizio arbitrale equo per poter impensierire una compagine che continua a macinare gioco e risultati. Fondamentale, per Marzi e compagni, l'approccio mentale alla sfida visto che fino ad oggi mai nessuna avversaria è riuscita a sommergere il Follonica come invece è successo un po' a tutte le squadre: in caso di giornata "sì" gli azzurri possono lottare contro tutta la categoria, specialmente fra le mura amiche, e nonostante gli acciacchi di fine anno l'obiettivo odierno è proprio quello di rosicchiare altri due punti alla vetta della classifica per riprendere a giocare il 6 gennaio da una posizione più tranquilla.
Michele Nannini