Il vicepresidente del Consiglio ha visitato il cantiere del teatro Era «Mi raccomando, pronti a marzo»


PONTEDERA - «Mi raccomando, a marzo dobbiamo essere pronti». Lo ha detto il vicepresidente del Consiglio Walter Veltroni durante la visita al cantiere del teatro Era. «Ottimo» è stato il suo giudizio al termine dell'esposizione del progetto che ha ascoltato dal direttore di Pontedera teatro Roberto Bacci. «Ora ci vorrà una struttura di gestione adeguata» ha osservato Veltroni diretto al sindaco Enrico Rossi. Il ministro dei Beni culturali ha giudicato contenuti anche i costi - cinque miliardi - da sopportare per il completamento dell'opera. «Una struttura forse di dimensioni che non ti aspetteresti rispetto a Pontedera - ha commentato parlando in pubblico poi al museo Piaggio - ma è giusto così. Perché dimostra l'ambizione di riempire questo contenuto di cose importanti». Come il centro di ricerca e sperimentazione teatrale legato a Grotowski, ma anche l'attività commerciale, quella per le scuole e - non ultimo - gli uffici e i locali sociali per il quartiere. Terminata la cerimonia al museo Piaggio, Veltroni ha chiesto al sindaco di essere riaccompagnato al cantiere. Lì ha incontrato gli operai, salutandoli uno per uno. E ha espresso l'intenzione di studiare bene le carte del progetto per proporre il teatro Era a modello di iniziative analoghe in altre città italiane.