Incidente treno alta velocità, sulla Roma-Napoli sostituiti 1,3 km di binari e 400 metri di cavi

video Riattivata la linea dell'alta velocità Roma-Napoli dopo l'incidente della scorsa settimana. La circolazione dei treni dovrebbe tornare alla normalità entro la giornata di mercoledì 8 giugno. La linea era stata interrotta nel pomeriggio di venerdì 3 giugno a seguito dello svio della locomotiva di coda di un Frecciarossa in una galleria nei pressi di Roma Prenestina. Oltre 70 tecnici di Rete ferroviaria italiana (Gruppo FS) hanno lavorato per rinnovare circa un chilometro e trecento metri di binari, sostituire 400 metri di cavi tecnologici e ripristinare 150 metri di linea di alimentazione elettrica dei treni. "Le attività di ripristino, concluse in meno di 48 ore, sono potute avvenire in due step: il primo è iniziato domenica pomeriggio a seguito del dissequestro di una parte dell'area interessata; il secondo da lunedì sera quando l'Autorità giudiziaria ha consentito la rimozione del locomotore sviato liberando così anche la galleria", si legge nella nota.FS

Incidente su treno Alta Velocità in un tunnel a Roma, l'intervento dei mezzi di soccorso

video I tecnici di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana), come anche i vigili del fuoco, sono sul posto per le verifiche e i necessari interventi dopo l'incidente alla galleria Serenissima, a Roma, che ha visto coinvolto il treno 9311 Torino-Napoli. La circolazione è stata sospesa sulla linea Alta Velocità Roma-Napoli: l'arresto, secondo quanto si apprende, sarebbe stato determinato dallo svio della locomotiva di coda del treno avvenuto per cause ancora da accertare. Nell'accaduto, da quanto risulta al momento, nessuno ha subito conseguenze. L'ARTICOLO L'ultima carrozza del treno Alta Velocità esce dai binari in un tunnel a Roma. I passeggeri: "Chiusi dentro per un'ora. Sentivamo le persone urlare"Video di Alessandro Pasquin, Gabriel Bernard/Localteam

Senza Titolo

Dobbiamo essere molto cauti nel dire che la galleria si farà o non si farà». Rete ferroviaria italiana lancia un messaggio distensivo alle comunità interessate dalla realizzazione della galleria Aurisina-Ronchi. E assicura l'avvio della procedura di dibattito pubblico sull'opera, che preoccupa i res

Senza Titolo

Dobbiamo essere molto cauti nel dire che la galleria si farà o non si farà». Rete ferroviaria italiana lancia un messaggio distensivo alle comunità interessate dalla realizzazione della galleria Aurisina-Ronchi. E assicura l'avvio della procedura di dibattito pubblico sull'opera, che preoccupa i res

Senza Titolo

Paolo Baroni / ROMAL'impatto dei cambiamenti climatici in Italia potrebbe produrre danni alle infrastrutture stimati in 2 miliardi all'anno fino al 2030, che poi salgono a 5. L'allarme arriva dallo studio «Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità» presentato ieri da una commissione di espert

Senza Titolo

Paolo Baroni / ROMAL'impatto dei cambiamenti climatici in Italia potrebbe produrre danni alle infrastrutture stimati in 2 miliardi all'anno fino al 2030, che poi salgono a 5. L'allarme arriva dallo studio «Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità» presentato ieri da una commissione di espert

Senza Titolo

Ora non è più solo un'ipotesi. Rete ferroviaria italiana ha annunciato ieri di aver avviato la progettazione dei 20 chilometri di galleria sul Carso previsti nel programma di velocizzazione della linea Trieste-Mestre. Nel corso dell'audizione in Consiglio regionale, i tecnici di Rfi hanno confermato

Senza Titolo

Ora non è più solo un'ipotesi. Rete ferroviaria italiana ha annunciato ieri di aver avviato la progettazione dei 20 chilometri di galleria sul Carso previsti nel programma di velocizzazione della linea Trieste-Mestre. Nel corso dell'audizione in Consiglio regionale, i tecnici di Rfi hanno confermato

Senza Titolo

Velocizzazione sì, ma con che effetti reali sui tempi di spostamento dei passeggeri? Rete ferroviaria italiana ha appena pubblicato l'avvio della procedura di valutazione di impatto ambientale dei lavori di velocizzazione della linea Trieste-Mestre. Giovedì l'assessore alle Infrastrutture Graziano P