Gala della Croce Rossa: l'arrivo di Charlene, il foie gras e il concerto di Alicia Keys

video Il 73° Gala della Croce Rossa Monegasca si è svolto lunedì 18 luglio tra le Terrazze del Casinò, per accogliere 650 partecipanti a cena e la Piazza del Casinò. Foie gras, melone di Cavaillon, frollino con manzo Wagyu, gamberoni e filetto di vitello al tartufo nel menù firmato dagli chef Thierry Pelassy e Richard Rubbini. Dopo le 23 è salita sul palcoscenico Alicia Keys, applauditissima da 2.000 spettatori. La presenza della Principessa Charlene ha illuminato la serata, sempre al fianco del marito il Principe Alberto II, il quale è da 40 anni presidente della Croce Rossa Monegasca. L’evento mondano è anche un grande omaggio al lavoro che ogni anno viene svolto dai collaboratori della Croce Rossa Monegasca per portare sostegno e aiuto a chi soffre nel mondo intero e per ringraziare tutti coloro che con le loro donazioni consentono di svolgere questa importante missione. Di Andrea MunariVideo di Monte Carlo SBM

Morte di Nazifa, la volontaria arrivata dall'Afghanistan a Bagnacavallo: la sua storia raccontata dalla Croce Rossa

video E' morta a 20 anni Nazifa Noor Ahmad, la giovane volontaria della Croce Rossa arrivata in Italia da bambina per curarsi da una grave malattia. Da Herat, in Afghanistan a Bagnacavallo, in provincia di Ravenna, il suo viaggio della speranza compiuto nel 2008. La storia di Nazifa è raccontata in questo video girato dalla Croce Rossa quando aveva 16 anni e quando si pensava che ormai potesse farcela nella guarigione. Parole e immagini che ora diventano un ricordo indelebile di lei. Scrive il presidente Francesco Rocca: "La sua breve vita ha avuto un valore immenso: è stata veicolo di speranza e voglia di dedicarsi agli altri per restituire quanto ricevuto"Croce Rossa italiana

Roma, dentro la nuova centrale unica della Croce Rossa: "Così rispondiamo alle solitudini"

video E' stata inaugurata a Roma la nuova "Centrale di Risposta Nazionale" della Croce Rossa Italiana, l'hub attraverso cui l'organizzazione coordinerà tutte le attività sul territorio italiano. Quaranta operatori potranno rispondere alle chiamate e alle esigenze dei cittadini 24 ore su 24, sette giorni su sette. "I servizi erogati sono quelli che noi chiamiamo di accesso diretto alla persona, quindi aiuti per i trasporti, per recapitare farmaci o alimenti a casa e altri", spiega il responsabile del centro Massimo Lapietra. Particolarmente importante poi il reparto di supporto e pronto soccorso psicologico. "Siamo sempre attivi dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 20, per qualsiasi esigenza di carattere psicosociale", spiega il responsabile Fabio Specchiulli. Insieme all'inaugurazione è stato anche dato ufficialmente il via al nuovo numero di pubblica utilità. Per contattare la Croce Rossa Italiana da ora in poi sarà sufficiente chiamare il 1520.di Francesco Giovannetti

I primi civili evacuati dall'acciaieria Azovstal assediata

video Nella notte, una ventina di persone tra donne e bambini sono state evacuate dall'acciaieria Azovstal assediata dalle forze russe a Mariupol. Sotto l'egida delle Nazioni Unite e della Croce Rossa, sono arrivati allo stabilimento decine di autobus per portar via dal rifugio i civili che da settimane si trovano in uno dei principali obiettivi delle forze armate di Mosca. Nelle immagini anche mezzi con la Z sulla fiancata che identifica i veicoli russi. Segui gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletter-LaPresse

Paralizzata a 14 anni, Marina da Kiev alla Puglia per sperare di guarire: "Rientrare in Ucraina sulle mie gambe sarebbe un sogno"

video Da Kiev a Leopoli e poi in Italia, grazie alla Croce Rossa. E' il viaggio di Marina, una ragazza ucraina di 14 anni, affetta da una paralisi dovuta ad una lesione spinale provocata da un incidente e che oggi è seguita da un gruppo di specialisti che si sta prendendo cura di lei, grazie alla collaborazione con la Fondazione San Raffaele di Ceglie Messapica in provincia di Brindisi, la Regione Puglia e la Protezione Civile. Quella di Marina è una storia di solidarietà che inizia con un giovane volontario della Croce Rossa Ucraina, Sehii, che contatta la Croce Rossa Italiana chiedendo di aiutarla perché, con la guerra in corso, non avrebbe potuto ricevere le cure necessarie per poter sperare di tornare a camminare. Ed è grazie a questo giovane volontario che la CRI si fa carico di Marina nell'operazione di evacuazione di persone fragili da Leopoli e la fa arrivare in Puglia, accompagnata dalla madre Olga e dai volontari del Comitato CRI di Martina Franca in collaborazione con il Comitato di Carovigno. Ora Marina si trova presso il Presidio Ospedaliero di Riabilitazione ad Alta Specialità della ASL BR "Fondazione San Raffaele", centro di riferimento nazionale nel trattamento delle lesioni spinaliVideo: Adriano Valentini/Croce Rossa Italiana

Senza Titolo

il reportageLa nave ammiraglia russa nel Mar Nero, la Moskva, esce di scena, non guiderà più la flotta di Putin in questa guerra. Affondata dai missili anti-nave delle difese di Odessa, come ha ammesso ieri sera anche il Cremlino, dopo averlo negato per quasi 24 ore. «L'incrociatore sta affondando a

Senza Titolo

il reportageLa nave ammiraglia russa nel Mar Nero, la Moskva, esce di scena, non guiderà più la flotta di Putin in questa guerra. Affondata dai missili anti-nave delle difese di Odessa, come ha ammesso ieri sera anche il Cremlino, dopo averlo negato per quasi 24 ore. «L'incrociatore sta affondando a