Regionali Emilia-Romagna, Salvini commenta la sconfitta: "Rifarei tutto, anche la citofonata"

video "Quando si gioca si può vincere o si può perdere. Per fortuna ogni tanto perdiamo, sai che noia" Il giorno dopo la sconfitta alle elezioni regionali in Emilia-Romagna Matteo Salvini è in conferenza stampa con la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni. Salvini ha più volte sottolineato il risultato deludente dei Cinque Stelle: "E' chiaro che c'è stato uno spostamento a sinistra. Non vediamo l'ora di confrontarci a livello nazionale".di Valerio Lomuzio

Elezioni regionali 2020, Orlando (Pd): "Il risultato in Emilia-Romagna modifica asse politico del governo"

video La vittoria di Stefano Bonaccini passa anche per il mare delle sardine. Il presidente uscente ha battuto la leghista Lucia Borgonzoni ed è stato confermato alla guida dell'Emilia Romagna. Un risultato in cui, secondo Andrea Orlando, è stato fondamentale il ruolo del movimento nato a Bologna: "Senza le Sardine il Pd non avrebbe vinto - dice il vicesegretario dem a Circo Massimo, su Radio Capital -. Il fatto che un movimento di quel tipo si sia messo in campo e abbia galvanizzato un pezzo di elettorato è stato molto importante". Il M5s esce malissimo dalle regionali: il risultato cambierà i rapporti di forza nel governo? "È giusto che oggi si usi questo risultato per modificare l'asse politico del governo su molte questioni. Ad esempio, sulla questione della giustizia dovrebbe esserci una disponibilità al confronto superiore a quella che c'è stata finora - spiega Orlando -, reddito di cittadinanza e quota 100 non vanno cancellati, ma migliorati sicuramente sì. E questo è un cantiere che va aperto".Intervista di Massimo Giannini e Oscar GianninoCirco Massimo, Radio Capital

Senza Titolo

Denis ArtioliLa prima proiezione flash realizzata da Swg per La7, su un campione del 3%, dava ieri sera Stefano Bonaccini (centrosinistra) tra il 48,6% e il 52,6% e Lucia Borgonzoni (centrodestra) tra il 40% e il 44%, alle regionali dell'Emilia-Romagna. Poco dopo, la proiezione del Consorzio Opinio

Emilia, Bonaccini avanti Calabria al centrodestra

Stefano Bonaccini, secondo le prime proiezioni, è avanti di almeno due punti sull'avversario Lucia Borgonzoni. Ma un dato inoppugnabile, ieri sera, emergeva con certezza quando ancora l'esito del voto era ignoto e voci di exit poll si susseguivano: la grande affluenza alle urne per la tornata di reg

Emilia, Bonaccini avanti Calabria al centrodestra

Stefano Bonaccini, secondo le prime proiezioni, è avanti di almeno due punti sull'avversario Lucia Borgonzoni. Ma un dato inoppugnabile, ieri sera, emergeva con certezza quando ancora l'esito del voto era ignoto e voci di exit poll si susseguivano: la grande affluenza alle urne per la tornata di reg

Senza Titolo

Denis ArtioliLa prima proiezione flash realizzata da Swg per La7, su un campione del 3%, dava ieri sera Stefano Bonaccini (centrosinistra) tra il 48,6% e il 52,6% e Lucia Borgonzoni (centrodestra) tra il 40% e il 44%, alle regionali dell'Emilia-Romagna. Poco dopo, la proiezione del Consorzio Opinio

che vinca o che perda questo pd deve cambiare

Ora Stefano Bonaccini può riposare un po', e Lucia Borgonzoni tornare a casa: la battaglia riprenderà soltanto domani sera, quando finalmente sapremo chi ha vinto e chi ha perso nella caldissima disfida emiliana. Stavolta, però, comunque vadano le cose, tutto cambierà, perché in gioco non c'è solo l

che vinca o che perda questo pd deve cambiare

Ora Stefano Bonaccini può riposare un po', e Lucia Borgonzoni tornare a casa: la battaglia riprenderà soltanto domani sera, quando finalmente sapremo chi ha vinto e chi ha perso nella caldissima disfida emiliana. Stavolta, però, comunque vadano le cose, tutto cambierà, perché in gioco non c'è solo l

Il governo ora spinge sul taglio delle tasse

Roberto Giovanniniroma. Non era certo nei piani originari il varo del decreto per rendere operativo da luglio il taglio del cuneo fiscale. Così come il premier Giuseppe Conte avrebbe voluto davvero tutto, piuttosto che saltare l'appuntamento in programma al World Economic Forum di Davos, e perdere u