campo riaperto

Alessandro Di Matteo /RomaIl «passo avanti» c'è, l'incontro tra Enrico Letta, Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli è andato abbastanza bene, ma l'intesa non è ancora chiusa e tutto dipenderà dalla discussione che in queste ore si svolgerà dentro Sinistra italiana e dentro Europa verde. Da tre giorni i

Lo spiraglio

romaLa domanda da farsi a questo punto è se possa esistere un'Agenda Draghi senza Draghi. Perché quello che lascia in eredità il presidente del Consiglio uscente è un metodo, innanzitutto. Di cui qualcuno vorrebbe farsi carico, e non è semplice. E che interroga chi evoca il suo nome ogni giorno, ins

Elezioni, Calenda dopo l'accordo con il Pd: "No a candidati divisivi in collegi uninominali"

video "Sui collegi uninominali non ci saranno candidati divisivi, è giusto. Siamo riconoscenti al Pd per questo in modo tale che ognuno corra con i suoi voti e candidi chi ritiene giusto. La seconda questione era il programma perché serviva una base comune, come i rigassificatori e nessuna nuova tassa, ed è stato tutto scritto. Siamo pienamente soddisfatti. Ci saranno due leadership: una dell'area liberale con Azione e+Europa e una dell'area democratica e progressista". Lo ha detto Carlo Calenda, al termine dell'incontro con Enrico Letta per trovare un'intesa in vista delle elezioni del prossimo 25 settembre.Video Ansa

Alleanze elettorali, Orlando: "A Calenda dico: datti una calmata"

video "Calenda, datti una calmata". È netto l'appello del ministro del Lavoro Andrea Orlando alla Festa dell'Unità di Roma a Caracalla intervistato dal vicedirettore di Repubblica Francesco Bei. "Domani - ha continuato il leader della minoranza dem - Calenda ci chiederà di fare una foto con la maglietta di Azione". Nella difficile e "scalcagnata" alleanza in vista delle elezioni del 25 settembre, perché il "complicato" lavoro del segretario Enrico Letta produca qualche effetto, "dobbiamo tenere insieme molte cose diverse, riuscire a mantenere comprensibile il nostro messaggio senza contrappunto quotidiano". Costruttività e no ai veti, come chiesto in direzione Pd.Leggi l'articoloRadio Radicale

Letta: "Vogliamo sapere se è stato Putin a fare cadere il Governo Draghi"

video "Le rivelazioni che sono uscite sui legami tra Salvini e la Russia di Putin sono inquietanti. Questa campagna elettorale inizia nel modo peggiore perché c'è una chiarissima macchia su questa vicenda e noi chiediamo la verità: vogliamo sapere se è stato Putin a far cadere il Governo Draghi, se coloro che l'hanno fatto cadere lo hanno fatto su mandato di una potenza straniera che oggi aggredisce e rispetto alla quale noi non possiamo avere buoni rapporti. Salvini ha fatto una dichiarazione che non solo non è una smentita ma è una dichiarazione che conferma tutti i suoi legami oscuri con Putin e con la Russia. Porteremo al Copasir, faremo interrogazioni, chiediamo che il governo risponda e vogliamo capire se dietro le scelte e gli atteggiamenti della lega c'è la Russia di Putin. Se così fosse sarebbe di una gravità senza fine". Lo ha detto il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ai giornalisti a margine dell'Assemblea Nazionale della Coldiretti.Video Ansa

Letta: "Su Renzi nessun veto. Berlusconi e Salvini? Si sono consegnati a Giorgia Meloni"

video Un'arena gremita come non si vedeva da tempo, "Eye of the tiger" come sottofondo, è così che San Miniato accoglie il segretario del PD nel giorno di chiusura della Festa dell'Unità provinciale, che coincide con il primo giorno di campagna elettorale. E' un Enrico Letta al quanto deciso quello che si presenta ai microfoni: "Renzi? Non c'è nessun veto, tranne che con i partiti che hanno fatto naufragare lo scorso governo, noi parleremo con chiunque sia propositivo e non ci metta vincoli". Dal palco, il segretario nativo di Pisa attacca Meloni e il centrodestra: "Oggi Berlusconi e Salvini hanno deciso di consegnarsi nelle mani di Giorgia Meloni" dice riferendosi al summit degli avversari - "la destra italiana ha scelto di non essere più centrodestra, ma di diventare destra destra". Servizio di Valerio Lo Muzio

Elezioni, Sala: "Nessun ruolo politico in lista Di Maio. Calenda? Non ponga veti"

video "Penso che l'iniziativa di Di Maio possa raccogliere attorno a lui, che ha degli obiettivi, altre persone. Io non sarò parte di nulla, non metterò il mio nome su nulla né avrò un ruolo politico in futuro, ma una mano a raccogliere attorno a questa lista la sto dando". Il sindaco di Milano Beppe Sala, a margine della commemorazione per la strage di via Palestro, commenta così l'incontro avuto con il segretario dem Enrico Letta e il leader di Insieme per il futuro Luigi Di Maio. "Voglio dare una mano ad allargare il campo della mia parte politica", ripete Sala che a chi gli chiede come si tengono assieme figure come Carlo Calenda e il ministro degli Esteri, profondamente divisi ad esempio sul reddito di cittadinanza risponde: "Sono i percorsi della vita e anche Di Maio ha riconosciuto che bisogna trovare una nuova formula per il reddito. Se però continuiamo a dire quello ha detto e quello ha fatto non ne usciamo più. No ai veti". Un messaggio per Calenda? "Il patto di desistenza evocato da Emma Bonino ha senso, nella misura in cui chi propone il patto non pone veti. Non è semplice far coesistere Calenda e Fratoianni ma dobbiamo provarci".di Andrea Lattanzi

Letta: "Non ci sarà pareggio, o noi o Meloni; pronto a essere il frontman della lista"

video "Sarà il voto più importante di sempre nella storia europea. Ci sarà un risultato chiaro che potrà andare in una direzione o nell'altra. Il pareggio non è contemplato. O vinciamo noi, o la Meloni", lo ha detto il segretario del PD Enrico Letta nel corso della direzione del Partito Democratico. "Non rinneghiamo quanto fatto con il M5s, ma non ci sarà nessun ripensamento - ha aggiunto - Guardate cosa pensano i nostri elettori Io sono pronto ad assumere il ruolo di frontman della coalizione". A cura di Luca PellegriniVideo YouTube - Partito Democratico

Metropolis/143 - Elezioni, Bonino (+E): "Il Pd? Non diamoci la zappa sui piedi e dividiamoci i collegi"

video La senatrice di +Europa, Emma Bonino, ha commentato a Metropolis i prossimi passi per arrivare all'accordo elettorale con Enrico Letta dopo aver lanciato il patto repubblicano insieme ad Azione di Carlo Calenda: "Si chiama desistenza, va fatta da tutte e due le parti perché per vincere non basta dire che siamo contro la destra". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/143 - Elezioni, Bonino (+E): "Il Pd? Non diamoci la zappa sui piedi e dividiamoci i collegi"

video La senatrice di +Europa, Emma Bonino, ha commentato a Metropolis i prossimi passi per arrivare all'accordo elettorale con Enrico Letta dopo aver lanciato il patto repubblicano insieme ad Azione di Carlo Calenda: "Si chiama desistenza, va fatta da tutte e due le parti perché per vincere non basta dire che siamo contro la destra". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Senza Titolo

Il draghicidio è avvenuto per mano di molti congiurati. Il protagonista non è stato soltanto il solito Giuseppe Conte, che ha avviato un'operazione politica speciale senza potersene alla fine intestare il merito. Conte ha spalancato le porte a Silvio Berlusconi e a Matteo Salvini, altrettanto colpev

Senza Titolo

Il draghicidio è avvenuto per mano di molti congiurati. Il protagonista non è stato soltanto il solito Giuseppe Conte, che ha avviato un'operazione politica speciale senza potersene alla fine intestare il merito. Conte ha spalancato le porte a Silvio Berlusconi e a Matteo Salvini, altrettanto colpev

Metropolis/141 - Elezioni, Tinagli (Pd): "Non ci sono due destre, ma una e radicale. Così perdiamo credibilità in Ue"

video Irene Tinagli, vicesegretaria Pd e presidente della Commissione affari economici e monetari dell'Ue, a Metropolis sposa la linea di Enrico Letta e commenta la decisione del centrodestra di non votare la fiducia a Draghi: "Non si sono resi conto, il Pnrr non va smontato serve un patto tra i partiti per salvarlo. Da ieri il Ppe è in imbarazzo". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Letta: "Partiti che non hanno votato sono ugualmente responsabili"

video "Le responsabilità dei partiti che non hanno votato la fiducia ieri sono di tutti, non mi si venga a fare classifiche di responsabilità, gli italiani non lo capirebbero", lo ha detto il segretario del PD Enrico Letta, nel corso dell'assemblea congiunta dei gruppi Dem alla Camera dei Deputati. Il segretario Dem ha anche aggiunto "Loro non si rendono neanche conto della gravità di quello che hanno fatto, perché non lo sanno".A cura di Luca PellegriniVideo Facebook - Deputati PD

Letta: "Il governo Draghi continui, le condizioni ci sono"

video "Il mio è un forte appello alle forze politiche che hanno sorretto con grandi risultati positivi il cammino del governo Draghi perché questo cammino non si interrompa e venga rilanciato a partire da mercoledì con un nuovo voto di fiducia". Così il segretario del Pd Enrico Letta arrivando al congresso del Psi a Roma.. "Non si interrompa questo lavoro importante per il Paese e per l'Europa, il lavoro del governo Draghi che ci vede convintamente impegnati - ha aggiunto -. Sono sicuro ci siano le condizioni per continuare". Di Francesco Giovannetti

Letta: "Sosterremo questo governo e su Ius Scholae non arretriamo di un millimetro"

video "Rimango senza parole se si pensa di fare cadere un governo se non si vogliono dare diritti. Sullo ius scholae non arretriamo di un millimetro", così il segretario del PD Enrico Letta nel corso della relazione alla direzione nazionale. "Questo governo che deve durare fino alla fine della legislatura deve rimanere così - ha aggiunto Letta - Sosterremo fino alla fine questo governo non un altro. Nel caso di traumi, non saremo della partita"a cura di Luca PellegriniVideo Youtube - Partito Democratico

Metropolis 121 - Scissione M5s, Cirinnà: "Pd sia calamita per allenze anche con nuove forze politiche"

video Monica Cirinnà, senatrice del Partito Democratico, interviene a Metropolis sul futuro del campo largo di Enrico Letta dopo la scissione del M5s: "Dobbiamo essere la calamita di un Parlamento terremotato e mettere in campo temi attrattivi per alleati ed elettori. Al centro ci devono però essere i diritti, come il lavoro, l'uguaglianza e l'emergenza climatica". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica