Crac Mercatone Uno addio ai mobili già pagati

il casoFranco GiubileiNon ci sono solo i dipendenti in difficoltà per il fallimento della Mercatone Uno: a pagare per il default della catena di negozi figurano anche ventimila famiglie, tutta gente che, pur avendo già versato acconti sostanziosi per cucine, camere da letto e altri prodotti, non se

Crac Mercatone Uno addio ai mobili già pagati

il casoFranco GiubileiNon ci sono solo i dipendenti in difficoltà per il fallimento della Mercatone Uno: a pagare per il default della catena di negozi figurano anche ventimila famiglie, tutta gente che, pur avendo già versato acconti sostanziosi per cucine, camere da letto e altri prodotti, non se

Il Novi List di Fiume a rischio chiusura

di Andrea Marsanich wFIUME Pane e Novi list. Ma prossimamente, questo il pericolo, agli abitanti di Fiume e della regione quarnerina potrebbe restare il solo pane. Il quotididiano Novi list, tra i simboli mediatici di una vasta area altoadriatica assieme alla Voce del Popolo e a Radio Fium

Telecom chiude in rosso Non ci sarà dividendo

È stato un cda movimentato quello con cui ieri Parmalat ha approvato i conti. Il tema del contendere, secondo quanto si apprende, non sono però stati i risultati, ma le modifiche allo statuto della società richieste dal socio francese Sofil (Lactalis). Il gruppo d'Oltralpe, che detiene l'8

Crisi Electrolux, la Cgil incalza le Regioni

«Indispensabile un forte intervento congiunto dei presidenti delle quattro regioni coinvolte dalla crisi Electrolux nei confronti del Governo affinché faccia valere, anche in sede comunitaria, le ragioni della permanenza in Italia degli stabilimenti». Lo affermano, in una nota congiunta, i

Crisi Electrolux, la Cgil incalza le Regioni

«Indispensabile un forte intervento congiunto dei presidenti delle quattro regioni coinvolte dalla crisi Electrolux nei confronti del Governo affinché faccia valere, anche in sede comunitaria, le ragioni della permanenza in Italia degli stabilimenti». Lo affermano, in una nota congiunta, i

La Russia libera l’italiano di Greenpeace

SAN PIETROBURGO L’Italia tira un sospiro di sollievo: Cristian D’Alessandro, l’attivista napoletano di Greepeace arrestato insieme con l’equipaggio della Arctic Sunrise lo scorso settembre per l’assalto pacifico a una piattaforma Gazprom nel mar Artico, sarò presto liberato su cauzione dal

Corona: «La montagna si disfa È fisiologico»

PORDENONE «Gli esperti si fanno meraviglia, ma le montagne sono incollate con lo sputo: il mondo crollerà su sé stesso, anche il mare si scioglierà o sprofonderà. Insomma: come una falce che si consuma con l’utilizzo, così la Terra sta facendo il suo corso, perché ha una sua durata ben pre