Rigolato chiama l'Isontino per la realtà di Casadorno

FOGLIANO REDIPUGLIAL'inaugurazione della strada Plan dei Ai-Casadorno, organizzata dalle comunità di Rigolato, chiama in causa l'Isontino legata alla casa per ferie di Casadorno. I lavori, eseguiti dal Comune di Rigolato grazie a un finanziamento della Regione, hanno riguardato il consolidamento e la messa in sicurezza di numerosi tratti del tracciato stradale oggetto di fenomeni franosi causati dalla tempesta Vaia. La cerimonia inaugurale è stata l'occasione per ringraziare quanti si sono impegnati per il raggiungimento dell'obiettivo e, soprattutto, per rinsaldare il profondo legame di amicizia che lega le comunità di Fogliano Redipuglia, Sagrado, Gradisca d'Isonzo e Rigolato. Dopo la santa messa, celebrata dal parroco don Giorgio Longo, si è svolta la cerimonia del taglio del nastro alla presenza della senatrice Francesca Tubetti, del consigliere regionale Antonio Calligaris, del sindaco di Fogliano Redipuglia Cristiana Pisano, del sindaco di Sagrado Marco Vittori e del sindaco di Rigolato Fabio D'Andrea, il quale ha colto l'occasione per comunicare ai presenti l'approvazione della delibera con la quale il Consiglio comunale ha conferito al compianto ex parroco foglianino don Duilio Nardin la cittadinanza onoraria "alla memoria". Negli anni Novanta, con la ristrutturazione della struttura ricettiva, si era coltivata la la felice intuizione avuta nel 1975 da don Mario Malpera di fare di Casadorno un luogo di incontro e di formazione. --L. M.© RIPRODUZIONE RISERVATA