Staranzano contro la velocità piazza due box per autovelox

Ciro Vitiello / STARANZANODue "totem-autovelox" piazzati sul territorio comunale di Staranzano per scoraggiare e, se attivati, punire gli automobilisti indisciplinati che violano le regole del Codice della Strada mettendo a repentaglio l'incolumità pubblica. Il Comune, dopo aver incrementato il servizio in collaborazione con i Comuni di San Canzian, Sagrado e Doberdò, con la costituzione di pattuglie miste secondo un calendario condiviso, ha acquistato due autovelox allo scopo di aumentare il controllo su alcune arterie molto trafficate dove spesso c'è la tendenza a premere il piede sull'acceleratore.L'assessore alla Polizia municipale, Michele Rossi, ha fatto posizionare il primo "totem" (visibile per il caratteristico colore arancio) verso la fine di via Battisti, in prossimità dell'incrocio di Bistrigna, una zona residenziale che si è sviluppata negli ultimi anni.Il secondo, invece, verrà istallato in via Marconi, la provinciale per San Canzian d'Isonzo, poiché anche in questo caso nella zona c'è stato un incremento consistente della popolazione residente. Si dovrà decidere solo in quale posizione sistemarlo, ma è probabile che verrà messo in prossimità della rotonda che immette sulla bretella Ronchi dei Legionari-Villa Luisa sulla provinciale per Grado.In entrambi i casi sono previste, nella fase sperimentale, diverse prove prima dell'entrata in funzione. Le apparecchiature sono state acquistate dal Comune alla Sodi Scientifica, con sede a Calenzano in provincia di Firenze per un importo totale di 3.000 euro circa.«Abbiamo deciso di adottare questo provvedimento - dice l'assessore Rossi - a seguito di numerose segnalazioni pervenute dai cittadini che spesso non si sentono sicuri sulle strade, programmando servizi di controllo della velocità dei veicoli sulle strade proprio con l'ausilio dell'autovelox. La presenza di due nuovi box speriamo siano un ulteriore deterrente per scoraggiare gli automobilisti recidivi, ma soprattutto una maggiore consapevolezza di non correre sulle strade urbane rispettando i limiti imposti a salvaguardia in particolare di ciclisti e pedoni». In ogni caso, rispetto all'autovelox bidirezionale di Pieris sempre attivo, quelli piazzati a Staranzano sono invece attivabili a discrezione della Polizia municipale. Un po' come avviene anche in altri territori comunali della Bisiacaria e dell'Isontino.Alla fine dello scorso anno le infrazioni erano aumentate: il totale accertato al 31 dicembre scorso è di 248, circa il 60% in più rispetto all'anno precedente quando erano 148. E nel 2022 le infrazioni non accennano a diminuire. --© RIPRODUZIONE RISERVATA