Battiston (Asi) «È un segnale per i giovani»

«La prima donna italiana nello spazio ha per l'Italia un significato più grande, e cioé che è necessario dare opportunità ai giovani che sono in grado di eccellere»: con queste parole il presidente dell'Agenzia spaziale italiana (Asi), Roberto Battiston, commenta la missione di Samantha Cristoforetti. @AstroSamantha, come Fabiola Gianotti, nominata alla guida del Cern, e Simona Di Pippo, direttrice dell'ufficio Onu per lo spazio, «dimostrano che le donne italiane in campo internazionale si pongono ai vertici più di quanto non facciano nel nostro Paese». C'è attesa intanto per la decisione del governo sul futuro dell'Asi: «Il 2 dicembre è prevista la ministeriale dell'Esa, e bisogna capire come e se l'Italia potrà essere presente nei progetti futuri, o non avremo più accesso allo spazio».