Matrimoni gay: «Cosolini faccia come Honsell»

«Valutiamo molto positivamente l'iniziativa del sindaco di Udine Furio Honsell e degli altri sindaci che hanno deciso di schierarsi dalla parte dei diritti degli omosessuali, nonostante gli attacchi del Ministro Alfano. Restiamo in attesa di un'iniziativa simile anche da parte dell'amministrazione comunale triestina, già sollecitata in passato su questo tema». Daniel Saiani, presidente dell'Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia Onlus, esprime soddisfazione per la registrazione, avvenuta a Udine negli scorsi giorni, del primo matrimonio omosessuale in regione e sottolinea come la stessa richiesta fosse stata avanzata anche a Roberto Cosolini, sindaco di Trieste, senza ottenere però risposte. Saiani ricorda infatti che a inizio luglio 2014 giunse al Comune di Trieste una richiesta di riconoscimento anagrafico di matrimonio da parte di una coppia omosessuale sposata all'estero». Il presidente dell'Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia Onlus giudica positive le dichiarazioni rese a Il Piccolo dal sindaco Cosolini («Aspetto di vedere il caso concreto e decidere in merito. Credo sia giusto riconoscere la validità di questi matrimoni nel momento in cui intratteniamo relazione con questi stati»).