IN BREVE

MERCATI Piazza Affari migliore in Europa (+0,53%) Milano fa meglio delle altre borse europee, nel complesso piatte in attesa delle parole oggi del presidente della Bce, Mario Draghi. Scarso l'effetto, anche a Wall Street, dei dati marco americani . Il Ftse Mib ha concluso così in rialzo dello 0,53 per cento, EUROSTAT Ue, prezzi produzione in calo a maggio A maggio i prezzi della produzione industriale sono di nuovo calati dello 0,1% nell'Eurozona come nella Ue dopo -0,1% ad aprile. Rispetto a maggio 2013 sono calati dell'1% e dello 0,9% rispettivamente. Lo rileva Eurostat. In Italia -0,1% rispetto ad aprile (i prezzi alla produzione industriale sono in caduta da febbraio), -1,7% rispetto a maggio 2013. WALL STREET JOURNAL «Troppe sofferenze per le banche italiane» Le banche italiane hanno ancora in pancia troppe sofferenze sui prestiti, specialmente immobiliari, che non riescono a scaricare. L'allarme arriva dal Wall Street Journal, ma l'Abi rileva come il tasso di ingresso in sofferenza sui finanziamenti sta frenando e che sugli istituti di credito c'è interesse da parte degli investitori stranieri. RAPPORTO Ocse: effetto clima sul Pil mondiale Il cambiamento climatico frenerà in modo significativo la crescita globale nei prossimi anni. In base alle proiezioni diffuse dall'Ocse, entro il 2060, a politiche invariate o inefficienti, i gas serra saranno raddoppiati rispetto al 2010 e i danni ambientali causati dalla minore produttività agricola e dall'aumento del livello dei mari arriverà a pesare per -1,5% sul Pil mondiale. LEGAMBIENTE Consumi: non c'è crisi per l'acqua minerale Acqua in bottiglia senza crisi. I consumi nel 2012 sono «cresciuti» rispetto all'anno precedente arrivando a 192 litri d'acqua minerale per abitante, pari a oltre «una bottiglietta da mezzo litro al giorno a testa» che «nell'80% dei casi è di plastica». Questo il quadro che emerge da «Regioni imbottigliate», l'indagine annuale di Legambiente e Altreconomia. RESTA AL TIMON L'ad di Jp Morgan rivela: «Ho un cancro alla gola» Il ceo del colosso finanziario Usa JPMorgan, Jamie Dimon, 58 anni, annuncia di avere un cancro alla gola e di avere iniziato i trattamenti chemio e radio. Nel frattempo continuerà ad occuparsi dell'attività della banca. «Mi sento molto bene - dice in una memo agli addetti - e vi farò sapere se ci sono cambiamenti. Il cancro è curabile e resterò al timone della banca».