Crociere: i treni Italo fino a Trieste

L'arrivo, il trasferimento, l'accoglienza e il soggiorno dei crocieristi che imbarcano e sbarcano nel Porto di Trieste nell'ottica dell'ampliamento dell'attività del settore nello scalo giuliano anche con il prolungamento da Venezia a Trieste di alcuni treni Italo provenienti dal sud Italia: sono stati questi i temi trattati durante un incontro nella sede della Società ferroviaria Nuovo Trasporto Viaggiatori (Ntv) a Roma, tra il presidente dell'Autorità Portuale di Trieste, Marina Monassi, e l'amministratore delegato della Società Ntv, Giuseppe Sciarrone. Durante l'incontro Monassi e Sciarrone, tramite una conference call, si sono confrontati anche con il presidente dell'Autorità Portuale di Venezia, Paolo Costa. Nel corso del meeting è emerso, alla luce del crescente traffico crocieristico sviluppato sul capoluogo del Friuli Venezia Giulia, l'interesse di Ntv-Italo su questo territorio. Dall'incontro odierno anche la decisione di organizzare con la massima rapidità un "questionario di studio" da sottoporre ai crocieristi per identificare le loro richieste e necessità in modo che lo scalo marittimo di Trieste sia in grado di soddisfare al meglio le loro esigenze anche di trasferimento. I presidenti si aggiorneranno a inizio settembre.