Per incentivare i pernottamenti ecco la tessera con i timbri

TRIESTE Sono una ventina abbondante i rifugi operativi nelle montagne del Friuli Venezia Giulia, dei quali 5 gestiti dall'Alpina delle Giulie di Trieste (oltre al "Guido Corsi", "Fratelli Grego", "Fratelli Nordio" "Luigi Pellarini e quella singolare eccezione rappresentata dal "Mario Premuda" della Val Rosandra, unico rifugio alpino in Italia a livello del mare). I rifugi alpini vengono considerati ultimamente come un'ottima chance turistica, tanto che la Regione, tramite Turismo Fvg e gli stessi gestori dei rifugi alpini ha lanciato "Girarifugi", iniziativa che contribuisce ad inserire cultura e musica nello scenario naturale delle nostre montagne, arricchendo l'offerta con "Note e Parole in Rifugio". "Girarifugi", che quest'anno è alla sua seconda edizione, inizia con l'arrivo in uno dei rifugi convenzionati (Calvi, Malga Chiadinas, Chiampizzulon, Corsi, Dal Piaz, De Gasperi, De Luca-Venezia, Fabbro, Fabiani, Flaiban-Pacherini, Giaf, Gilberti, Grego, Hochweissteinhaus, Kugj, Marinelli, Pelizzo, Pellarini, Tita Piaz, Rinfreddo, Tolazzi, Wolayersee Huette) e l'acquisto del quaderno di vetta che contiene il coupon informativo e una tesserina per la raccolta dei timbri, che saranno apposti dai gestori e daranno la possibilità di ottenere una maglietta tecnica Odlo che attesterà, anche in seguito, i meriti sportivi del suo proprietario. Sono 9 in tutto le manifestazioni di "Note e Parole in Rifugio", che tra luglio ed agosto regaleranno emozioni culturali e musicali in quota. «È una scelta molto interessante - commenta il direttore di Turismo Fvg, Edy Sommariva - che va nella direzione di quanto auspicato dai gestori, e cioè di far sostare ma anche dormire i turisti nei loro rifugi. Quello dei rifugi è di sicuro un mondo da valorizzare e credo che nell'estate 2013 saremo sicuramente a regime e in grado di contare su una manifestazione ormai rodata». (f.b.).