Scontri tra tifosi davanti allo stadio Fermati una ventina di triestini

MODENAScontri tra tifoserie prima della partita tra il Modena e la Triestina. Una ventina di tifosi alabardati arrivati in Emilia senza scorta verso le 14, un'ora e mezza prima dell'inizio della gara, hanno affrontato un manipolo di ultras gialloblù. È successo nei pressi di piazzetta Cittadella, a poche centinaia di metri dallo stadio Braglia.
Gli scontri sono durati pochi minuti. Secondo alcune testimonianze alcuni tifosi triestini con il volto coperto dai cappucci avrebbero aggredito a cinghiate gli ultras avversari. Questi ultimi sono rimasti lievemente feriti: la loro medicazione - ha fatto sapere il questore di Modena, Salvatore Margherito - non ha comunque richiesto refertazione.
Sul posto sono intervenute la camionetta della polizia con gli agenti in assetto anti-sommossa e alcune pattuglie dei vigili urbani. I tifosi della Triestina sono stati tutti fermati mentre i modenesi si sono dileguati.
I triestini sono stati identificati sul posto e poi trasferiti in questura per accertamenti. Non hanno potuto assistere alla partita e ieri sera erano ancora trattenuti negli uffici della questura, a disposizione dell'autorità giudiziaria.
Per tutti e venti scatterà il Daspo, il provvedimento che li terrà a lungo lontani dagli stadi. Probabilmente grazie anche all'ausilio delle telecamere di sorveglianza dislocate nella zona attorno allo stadio Braglia la Digos cercherà di identificare alcuni sostenitori modenesi coinvolti nella rissa.
In questo caso scatterà anche nei loro confronti il divieto di assistere a qualsiasi manifestazione sportiva.