«Le intercettazioni? Diverse non valide»

Con l'articolata eccezione sollevata all'inizio dell'udienza, l'avvocato Carmen Pisanello (difende Michele Bolognino) va all'assalto di diverse intercettazioni (sia ambientali che telefoniche) richiedendone alla Corte l'inutilizzabilità per i motivi più diversi: effettuate al di là dei 15 giorni nel potere dei pm, proroghe tardive, discorsi captati ma senza autorizzazioni valide e in un caso per aver violato la privacy di un minore. I due pm si sono riservati di replicare, una volta fatti i controlli. Si tratta di intercettazioni probabilmente già trascritte.