Vertinelli arriva al processo in ambulanza

REGGIO EMILIAIl maxi processo è già iniziato da oltre un'ora quando compare il 56enne Palmo Vertinelli, uno degli imputati più in vista, considerato dalla Dda un "big" del clan. Appare provatissimo ed è accompagnato da alcuni volontari del 118 oltre che da agenti penitenziari. Viene fatto sdraiare su un lettino appositamente predisposto e una coperta lo ripara da eventuali colpi di freddo nell'aula-bunker. Da quando è stato operato d'ernia in zona lombare - quarto intervento in sette anni - Vertinelli ha fatto richiesta, tramite l'avvocato difensore Alessio Fornaciari, di essere trasferito dal carcere di Parma a Reggio. Il perito che l'ha visitato ha detto - sabato in aula - che nei primi 30 giorni dall'operazione dovrà stare a riposo, per poi intraprendere una riabilitazione più intensa, con idroterapia in piscina (quindi all'esterno). La difesa ritiene non adeguata la cella dove Palmo è ristretto e qualche riserva l'ha avuta pure il perito (cioè il medico che ha fatto il punto sul decorso post operatorio). Ora deciderà la Corte, intanto ieri Vertinelli ha seguito l'udienza con quegli accorgimenti.