«Ucciso e poi sotterrato nel cantiere»

di Tiziano SoresinawREGGIO EMILIASono solo "flash" durante la deposizione-fiume snodatasi per sette lunghe udienze, ma si tratta di accenni a dir poco inquietanti perché il pentito Antonio Valerio fa riferimento ad omicidi che gelano il sangue di chi l'ascolta nell'aula-bunker.Frasi buttate lì, vere e proprie rivelazioni che la dicono lunga sulla violenza che "regna" da almeno trent'anni negli ambienti 'ndranghetistici approdati al Nord. È tutto molto sfumato nei racconti di sangue del collaboratore di giustizia: allusioni volutamente a spanne, perché non è difficile pensare che non può andare oltre. Infatti è più che probabile che vi siano non poche indagini in corso da parte dell'Antimafia proprio sulla scia di quanto sta confessando Valerio. Basta pensare ai tanti "omissis" presenti nei verbali riempiti nei mesi scorsi dal pentito davanti ai pm Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, per comprendere come non manchino gli spunti investigativi. Indagini su affari loschi ma anche su morti violente. Misterioso l'omicidio che Valerio colloca fra il 2004 e il 2008 (non è chiaro se nel Reggiano o nel Mantovano): «È stata uccisa una persona - dice quasi con distacco dal luogo segreto in cui è collegato in videoconferenza con l'aula-bunker di Aemilia - e poi il cadavere è stato occultato nel cantiere. C'è chi sa di questo delitto... Ma non parla». Più prodigo di particolari, invece, sul progetto di un assassinio che doveva avvenire a Mantova, anche se rimane un rebus la persona che era finita nel mirino. «A Mantova c'era un'altra persona da uccidere, non so chi, mi indicavano tutti i passaggi che faceva. C'era Rocca Antonio, Blasco.... Loprete... cosa si fa? "Visto che non riusciamo a prendere il nostro e voi il vostro, scambiamoci, io vengo a uccidere questo di Mantova e voi questo di Reggio. Poi non si concluse perché non ci furono i meccanismi che si dovevano concludere». Valerio punta il dito su Antonio Rocca e stavolta, oltre al muratore di Pietole (condannato in primo grado a 26 anni nel processo Pesci), tira in ballo anche Giuseppe Loprete, "Pino il fabbro", il mediatore nelle diatribe della cosca, "l'uomo di pace e verità", a cui i giudici hanno inflitto una pena di 19 anni sempre nel procedimento di Brescia. Che il pentito sappia molto di più sulla vittima predestinata lo si intuisce quando aggiunge: «Pedinavamo al mattino e alla sera quella persona: sapevamo che faceva jogging e dovevamo farci trovare pronti». Lo scambio «io vengo a farlo lì e voi lo fate qui» è poi una modalità tipica delle dinamiche criminali mafiose. Uno scambio di favori nel Dna delle cosche, da una parte per sviare i sospetti, dall'altra come perverso atto di "gentilezza". Sempre dalle affermazioni di Valerio esce pure il progetto per far fuori un imputato di Aemilia: il 44enne Alfredo Amato. «Io, Sergio e Blasco dovevamo uccidere "Ciccio" Amato su richiesta di Nicolino Grande Aracri. Una sorta di favore al clan Bellocco con cui Amato aveva avuto delle disquisizioni». Ma non si andò oltre alla pianificazione del delitto: «Scoprimmo che Amato aveva ricevuto il "battesimo" proprio dai Bellocco e lasciammo perdere». Intenti assassini che l'imputato apprende, all'improvviso, in aula...