le MAFIE IN EMILIA»IL CASO BRESCELLO

BRESCELLO Il consiglio comunale di Brescello non darà il benservito al sindaco Coffrini, anzi gli rinnoverà la fiducia con l'intenzione di proseguire il mandato appena iniziato. La decisione è stata presa ufficialmente martedì sera e ha trovato concordi anche i componenti della giunta. Le comunicazioni del sindaco Coffrini in merito alle vicende che lo hanno riguardato in questi giorni avverranno al termine del consiglio comunale in programma lunedì alle 21. Nonostante il clamore di questi giorni circa le dichiarazioni di Coffrini su Grande Aracri nella video-inchiesta dei ragazzi di Cortocircuito, formalmente non sarà una seduta straordinaria ma un semplice consiglio quello che vedrà il primo cittadino Marcello Coffrini rimettere il proprio mandato nelle mani di maggioranza e opposizione. Si tratta di una seduta già in programma da tempo, che peraltro all'ordine del giorno vede l'approvazione di un tema non da poco come il bilancio di previsione. Un passaggio, quest'ultimo, che i Comuni sono chiamati a espletare non più entro il 30 luglio ma entro il 30 settembre. Le parole di Coffrini, a quanto si apprende, giungeranno dopo l'approvazione del bilancio e dopo gli altri punti all'ordine del giorno, all'interno delle cosiddette "comunicazioni del sindaco". In quella circostanza, il primo cittadino esprimerà la propria versione dei fatti e lascerà al consiglio comunale brescellese la decisione sulla sua conferma. Come detto, l'esito di questa votazione appare già scritto: il gruppo di maggioranza del Pd – che alle elezioni si candidò nella lista "Pasquino" – ha appunto fatto sapere che rinnoverà la fiducia a Coffrini. Un intento già espresso nel corso del confronto avvenuto martedì sera, dopo che il sindaco aveva fatto ritorno da Reggio, dove si era svolta la riunione con i sindaci reggiani del Partito democratico. La maggioranza consiliare e la giunta hanno scelto di andare avanti, nonostante questi giorni di fuoco, come spiega il vicesindaco Isabella Mazza. «Il sindaco ci ha riferito l'esito della riunione di Reggio – afferma – e ci ha chiesto se intendiamo o meno proseguire questo cammino insieme a lui. Per quanto ci riguarda, sulla persona di Marcello non abbiamo alcun dubbio e per questo abbiamo scelto di rinnovargli la fiducia. Ci ha detto che vuole prendere le distanze dalle parole pronunciate in quell'intervista e ripartire. Ci preme molto la credibilità del nostro paese, e oggi più che mai dobbiamo sforzarci di guardare la situazione con gli occhi di chi sta fuori. A Brescello la gente per bene c'è, vogliamo farlo capire a tutti e recuperare la nostra immagine». Per quanto riguarda le opposizioni, invece, è molto probabile che entrambi i gruppi, "Onestà civile" e "Brescello onesta", capeggiati rispettivamente da Luciano Conforti e da Catia Silva, chiedano al sindaco di fare un passo indietro. Dopo gli ultimi sviluppi di questi giorni sono arrivati al sindaco diversi messaggi di solidarietà da parte dei propri concittadini. In particolare sulla sua pagina di Facebook sono stati pubblicati diversi post di incoraggiamento.(a.v.)