Esclusi dalla white list denunciano il prefetto

BRESCELLO Arriva attraverso il suo legale, l'avvocato Carlo Taormina, la replica di Giuseppe Iaquinta alla notizia riguardante l'interdittiva antimafia che la prefettura di Reggio ha emesso nei suoi confronti e all'interrogazione parlamentare con cui il Movimento 5 Stelle chiede lumi sulla scalata di Iaquinta al Mantova calcio. E il professor Taormina fa sapere che «il legale rappresentante della Giuseppe Iaquinta srl nel dicembre 2013 ha sporto denunzia contro il prefetto di Reggio Emilia ed altri relativamente alla reiezione della richiesta di iscrizione nella White list ed alle pretese risultanze delle indagini stolte per abuso d'ufficio e falso ideologico in atto pubblico. La denuncia - fa sapere sempre Taormina in una nota - è stata presentata alla Procura di Bologna, ove Giuseppe Iaquinta si è anche autodenunziato chiedendo i più approfonditi accertamenti sulla sua società e su tutte le attività economiche ed imprenditoriale svolte. Giuseppe Iaquinta ha messo a disposizione della direzione distrettuale antimafia tutta la documentazione societaria e bancaria della società personale. Mentre le indagini della Procura di Bologna sono in corso - conclude la nota dell'avvocato Taormina - nessuna contestazione ad oggi è stata mossa nei confronti dell'operato di Giuseppe Iaquinta».