La Conad "vede" la meta

REGGIO «Il momento più duro arriva adesso, dobbiamo continuare a vincere per mantenere un buon margine su Cagliari e arrivare tranquilli alla Final Four di Coppa Italia, secondo obiettivo stagionale oltre alla promozione in A2». A chi pensa che l'imbattuta Conad delle meraviglie stia vivendo di rendita e che sia ormai capace di vincere su una gamba sola è il capitano Michel Guemart a rispondere con estrema lucidità, svelando lo spirito con cui il gruppo affronterà la sfida delle 18 di oggi Pala Parenti di Santa Croce sull'Arno contro i lupi del Gruppo Biokimica. «Domenica scorsa contro Monterotondo dopo un primo set giocato molto bene ci siamo rilassati e il secondo l'abbiamo perso, il che ci ha dimostrato una volta di più che in questo campionato non si può mai abbassare la tensione. Dobbiamo tenere gli occhi ben aperti, nessuna gara è scontata soprattutto perché tutte le squadre contro di noi giocano alla morte per provare a batterci». Il campo di Santa Croce in questo senso è ancora più insidioso, perché è l'unico dove questa Conad abbia perso quest'anno. «Ci aspettano al varco, sappiamo che non è una partita facile da affrontare in trasferta, dopo un periodo di difficoltà si stanno risollevando, ma siamo consci del nostro valore e che se giochiamo al meglio delle nostre possibilità non c'è storia». La classifica al momento dice Conad prima a 45 punti, a +9 su Cagliari, e Lupi quinti a 26 punti reduci dal tie-break strappato a Forlì. Tra le due formazioni questo è il quarto confronto stagionale, con due vittorie giallorosse al PalaBigi e una sola sconfitta in trasferta. Chissà poi che non ci possa essere un quinto incontro, considerato che entrambe sono qualificate alla Final Four di Coppa Italia che andrà in scena il 18-19 aprile a Motta di Livenza. (f.m.)