Prima occasione per i velocisti

La seconda tappa è la prima grande occasione per le ruote veloci: si parte e si arriva a Belfast, dopo 219 km piatti come un biliardo, eccezion fatta per i due Gran premi della montagna di quarta categoria – poco più di un cavalcavia – di Cushendall road e Knocknagulliagh. Pronostico per il tedesco della Giant Shimano Kittel e per il francese della Fdj Bouhanni, ma attenti anche al nostro Elia Viviani (Cannondale). E al vento, che potrebbe giocare brutti scherzi, specie lungo la costa.