Agenda Comix, la più letta nel mondo

Il Consiglio di Amministrazione della Franco Cosimo Panini Editore ha approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2007. Il fatturato della società è passato da 37,1 milioni di euro dell'esercizio 2006 a 43,4 milioni del 2007, con un aumento pari al 17,2 %. L'utile operativo si attesta a 4,087 milioni di euro con un incremento del 31% rispetto all'anno precedente. Cresce anche l'occupazione del Gruppo, che raggiunge gli 86 dipendenti (erano 70 lo scorso anno), a cui si uniscono una decina di collaboratori e una rete di agenti monomandatari di oltre cento unità. «Siamo molto lieti di annunciare il nostro miglior risultato di sempre - ha affermato il Presidente del Gruppo Laura Panini - Un successo che si deve principalmente alle produzioni editoriali del settore Scuola e della divisone Arte». Nel corso del 2007 la controllata Franco Panini Scuola ha infatti consolidato la propria leadership nel settore cartoleria anche grazie a scelte strategiche come la decisione di investire su agende e diari, a conferma della vocazione editoriale dal Gruppo. «Due ragazzi su cinque hanno acquistato una nostra agenda - prosegue Laura Panini - le copie vendute sono state più di 2 milioni, mentre Comix si è confermata per il terzo anno di fila il diario-agenda più venduto nel mondo, con oltre 1,2 milioni copie». Agli ottimi risultati di Franco Panini Scuola si unisce la crescita della divisone Arte, trainata dal grande successo dei facsimili, edizioni di pregio dall'alto valore unitario. «Siamo orgogliosi di essere stati i primi nel nostro Paese a scoprire il settore dell'editoria facsimilare - afferma Laura Panini - Una scelta coraggiosa che oggi ci premia anche sul fronte dei risultati economici. Grazie al know-how acquisito nel corso degli anni, le nostre creazioni sono superiori ai prodotti dei competitor, affacciatisi sul mercato solo recentemente: la 'Biblioteca Impossibile" è infatti riconosciuta come la collezione di facsimili più esclusiva dell'editoria italiana e una delle migliori espressioni del made in italy». «Nel 2008 - sostiene Maurizio Armaroli, amministratore delegato delle società - prevediamo di migliorare ulteriormente le nostre performance economiche, superando i 47 milioni di euro di fatturato. Un obiettivo alla nostra portata come dimostra il buon inizio d'anno».