Ponte, vertice dei parlamentari Si fa fronte comune con gli enti

Francesco Romani/ san benedetto poUn vertice con i neo eletti parlamentari mantovani (assenti solo i tre "romani" Bruno Tabacci, Elena Bonetti e Andrea Paganella) per fare il punto sulla situazione del ponte di San Benedetto, ma anche quello di Ostiglia e la situazione della ricostruzione sismica. Le tre principali "emergenze" del Basso Mantovano che Provincia, presente con il presidente Carlo Bottani, e sindaci dell'Oltrepò hanno affrontato nell'ultimo decennio. Il primo "dossier" è stato illustrato dal sindaco Roberto Lasagna alla senatrice Paola Mancini (Fd'I) ed agli onorevoli Andrea Dara (Lega), Carlo Maccari (Fd'I)ed Antonella Forattini (Pd). Quest'ultima, assieme alla collega Italia Viva-Azione ha già presentato una interrogazione per chiedere di «trovare una soluzione e verificare con il Governo se quella del commissariamento sia un'ipotesi concreta, è necessario che tutte le forze politiche elette vengano coinvolte concretamente».Dal vertice è uscita la necessità di fare fronte comune con gli enti locali ed il governo per concertare la soluzione migliore per sbloccare gli ostacoli emersi nel lungo cantiere che ha cumulato anni di ritardo. Non escludendo di riproporre (in attesa del nuovo codice appalti che sarà operativo entro marzo) la richiesta di un commissario straordinario con poteri di deroga, visto che l'infrastruttura strategica è nel cuore del cratere sismico 2012.Altro dossier quello della proroga dello stato di emergenza in scadenza a fine anno per gli eventi sismici. L'estensione di un anno, da inserire nella Finanziaria, comporterebbe una spesa di un miliardo per lo Stato, ma garantirebbe la chiusura della quasi totalità dei cantieri aperti.Da ultimo si è affrontato il tema del ponte di Ostiglia con il possibile recupero a fini viabilistici della vecchia ferrovia. Il precedente progetto è stato bocciato dal Provveditorato interregionale per le opere pubbliche. Serve quindi una nuova progettazione e la ricerca di nuovi fondi, visto che i 50 milioni stanziati in precedenza sono stati destinati ad altro. L'aumento del costo dei materiali potrebbe far lievitare il costo attorno agli 80 milioni di euro. --© RIPRODUZIONE RISERVATA