Due anni di riposizionamenti Già cinque i cambi in consiglio

SUZZARA «Non è vero che il gruppo Suzzara Futura non sapeva delle mie intenzioni di dimettermi. Sono stati fatti diversi incontri». Così Salvatore Capursi si difende all'indomani delle sue dimissioni dalla lista Suzzara Futura col passaggio nel gruppo misto, ma assicurando l'appoggio alla maggioranza.«Ringrazio i colleghi e colleghe della lista Suzzara Futura con cui ho condiviso questa breve esperienza, augurando loro buon lavoro- aggiunge Capursi -. Il perimetro della mia collocazione è stato, è, e rimarrà a sostegno del sindaco Ivan Ongari e a questa maggioranza. E sotto questo aspetto esorto il nostro sindaco e tutta la maggioranza a continuare su questa strada portando a termine il programma elettorale e tutto l'aiuto necessario per far fronte a questa pandemia. Credo che mai come in questo momento i cittadini suzzaresi debbano essere rassicurati in quanto alla guida della nostra città c'è Ivan Ongari, capace nel decidere, nel far fronte anche in un momento storico come quello della pandemia, ma soprattutto capace nell'ascolto. Avanti tutta Ivan siamo a metà legislatura e c'è ancora molto da fare». «Nel frattempo - ha continuato Capursi - rinnovo, di fronte agli elettori, il massimo impegno, in continuità delle azioni volte alla risoluzione dei problemi. Suzzara mi ha dato un'opportunità di realizzazione di vita ed è per questo che continuerò ad impegnarmi per la nostra città».Nell'arco di questi primi due anni di mandato bis per Ongari sono già cinque i consiglieri che hanno cambiato casacca: Silvia Cavaletti, attuale presidente del consiglio comunale, che dal Pd è passata ad Italia Viva; Maria Luisa Melli e Michele Zanardi, che da Suzzara Civica sono passati al gruppo misto per poi abbracciare Fratelli d'Italia; Elisabetta Vezzani, vice presidente del consiglio, che dalla Lega Salvini Premier è passata al gruppo misto e ora Salvatore Capursi che ha lasciato Suzzara Futura per andare anche lui nel gruppo misto.In questo minigruppo c'è il paradosso che la Vezzani sostiene la minoranza, mentre Capursi sostiene la maggioranza. Quando il consiglio sarà in presenza sarà un problema trovare un posto idoneo per entrambi.Per quanto riguarda i numeri, per la maggioranza non cambia nulla. Pur non sedendo più tra i banchi della maggioranza un consigliere di Suzzara Futura, il sindaco Ivan Ongari e la sua giunta possono dormire sonni tranquilli. A garantire la continuità amministrativa restano pur sempre i consiglieri del Pd e il capogruppo di "La Sinistra per Suzzara". La lista Suzzara Futura invece, che pur non aveva sostenuto in campagna elettorale la candidatura Ongari, sparisce dal consiglio. --MAURO PINOTTI© RIPRODUZIONE RISERVATA