Cano, mercoledì la nomina del presidente

Riunione informale, ieri pomeriggio, del nuovo gruppo dirigente della Canottieri Mincio, eletto dopo l'affollata assemblea di domenica in sede. Sul tappeto le priorità per i primi giorni di questo mandato, che appare delicato soprattutto per via della contemporanea ispezione ministeriale che sta per concludersi. Nessuna decisione nemmeno per la determinazione delle cariche: il presidente e due vice presidenti che andranno scelti tra i sette consiglieri di amministrazione eletti, vale a dire Chiara Faveri, Matteo Cantoni, Gianni Mistrorigo, Paola Dugoni, Massimo Dal Forno, Massimo Pelagatti e Alberto Gallico. Tra le ipotesi sul tappeto, la proposta avanzata da Matteo Cantoni volta a indicare per la massima carica Chiara Faveri, già candidata indipendente, risultata la più votata domenica con 1.545 preferenze. L'incontro di ieri non ha portato a una determinazione, ma per conoscere il nome del nuovo presidente non si dovrà attendere molto: mercoledì, infatti, si terrà la prima riunione del consiglio di amministrazione per l'accettazione formale delle cariche e per la nomina del presidente. Una delle prime mosse del nuovo consiglio sarà certamente quello di chiedere un incontro agli ispettori, per cercare la via migliore per risolvere i problemi emersi durante la loro visita, a partire dal nodo delle quote di iscrizione non pagate negli anni. Presto, inoltre, dovrà essere indetta una nuova assemblea, visto che se domenica è stato finalmente eletto il cda, non altrettanto è accaduto per il collegio sindacale, in prorogatio da due anni. Per i due posti disponibili, nessuno è riuscito a raggiungere il quorum.