Boateng offre 2023 kebab ai tifosi dopo il rinnovo con l'Hertha Berlin

video Prima la firma, poi via a farcire i kebab. Kevin Prince Boateng, ex centrocampista di Milan, Fiorentina e Monza, ha rinnovato il contratto con l’Hertha Berlino fino al 2023. Per festeggiare, e per ringraziare i tifosi del club che lo ha lanciato nel grande calcio, offrirà loro 2023 kebab. L’appuntamento è per il 13 agosto, vigilia dell’esordio casalingo in campionato contro l’Eintracht Francoforte, al chiosco Hakiki, nel quartiere Wedding. Dove Boateng è cresciuto. Lui ha ancora fame di calcio, i primi 2023 che si metteranno in fila invece faranno un giro in centro a pancia piena.Video Twitter - @HerthaBSC

L'uomo che convive con il missile piovuto in casa

video Scene di quotidianità bellica dall'Ucraina: un uomo racconta in video la convivenza con il razzo russo che si è conficcato nella sua casa. L'ordigno è piovuto dal tetto, penetrando attraverso due piani prima di conficcarsi nel pavimento. Per sua fortuna, gli artiglieri di Mosca nella frenesia della battaglia hanno scagliato un razzo da esercitazione, privo di testata esplosiva. Nel filmato viene mostrato il foro di accesso dell'arma attraverso i due piani superiori. La casa con il razzo è diventata un episodio molto discusso nella narrativa del conflitto: si trova a Kharkiv ed è stata fotografata per la prima volta a fine marzo, quando la città era ancora assediata dagli invasori. C'è chi la ritiene una messinscena, chi invece è convinto che sia tutto vero. In ogni caso, è un simbolo della realtà vissuta da centinaia di migliaia di persone in Ucraina che dal 24 febbraio sopravvivono sotto il tiro di milioni di proiettili d'ogni tipo.di Gianluca di FeoSEGUI GLI AGGIORNAMENTI DALL'UCRAINAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAVideo Twitter

Il superjet russo a caccia di radar ucraini

video Un filmato della propaganda russa mostra la missione di un caccia per distruggere i radar ucraini. L'aereo è un Sukhoi 35, il più moderno intercettore in servizio nell'aviazione di Mosca, che grazie agli ugelli orientabili dei motori ottiene una manovrabilità unica nel combattimento aereo. Nel video sorprende la dotazione di armi: ci sono molti missili aria-aria, in previsione del rischio di un incontro ravvicinato con le squadriglie di Kiev. Il più importante è il singolo missile Kh31, sul quale si sofferma a lungo la telecamera: è stato progettato per agganciare le emissioni dei radar della difesa contra-aerea e distruggerle. Attività che sin dall'inizio dell'invasione è stata una priorità dei comandi russi, nel tentativo di eliminare la cupola protettiva su città e industrie. Il pilota, che indossa una tuta mimetica nell'eventualità di doversi paracadutare in territorio nemico, dopo avere sorvolato la pianura ucraina lo lancia contro un bersaglio e inverte la rotta. Il Kh31 può colpire fino a duecento chilometri di distanza, superando di tre volte la velocità del suono nella fase finale dell'attacco. Ma non è chiaro il risultato della missione ripresa nel video.di Gianluca Di FeoSEGUI GLI AGGIORNAMENTI DALL'UCRAINAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAVideo Twitter - @MrFrantarelli

Sta per arrivare il missile: la fuga disperata dei soldati russi per mettersi in salvo

video Pochi attimi per cercare riparo il più velocemente possibile e tentare di mettersi in salvo. Sono, purtroppo, scene quotidiane quelle che arrivano dall'Ucraina, a testimonianza della drammaticità del conflitto in corso. I soldati russi si trovano nei pressi di una posizione su una strada sterrata all'interno di una zona boscosa, quando improvvisamente alcuni di loro si accorgono dell'arrivo di un missile. Inizia la fuga disperata per salvare la propria vita. Dopo pochi secondi, l'esplosione: alcuni soldati riescono a ripararsi, ma altri - come testimonia il video - vengono feriti dallo scoppio del razzo. Arriva poi un camion russo, identificato dalla lettera Z, dove viene caricato il ferito e portato via dalla zona dell'attacco. Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla NewsletterVideo Twitter - @RALee85

La creatività nel lavoro che sta cambiando

«La creatività immaginifica per comunicare efficacemente le trasformazioni delle imprese e del lavoro»: è il titolo del workshop conclusivo del Progetto Smart cultural communication che inizierà alle 9,15 nella sede di Confindustria Venezia. Previsti gli interventi di Silvia Oliva, Federico Rossi, i