Il ketchup sarà la prossima vittima del cambiamento climatico

video L’Italia è, insieme a Cina e California, il maggior produttore di pomodori "da lavorazione" che vengono usati per creare il ketchup. Secondo un recente studio danese il cambiamento climatico e l’aumento della temperatura provocherà nei prossimi anni una riduzione della coltivazione di questi pomodori che potrebbe raggiungere anche il 50% entro la fine del secolo, mettendo così in crisi la produzione di questa salsa, ideale per accompagnare i fritti e farcire i panini. A cura di Sofia Gadici

Ucraina, Draghi: "Avanti nel sostegno a Kiev come da mandato di questo Parlamento"

video E' quanto ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso delle sue comunicazioni al Senato. "Ricercare la pace, superare la crisi: questo è il mandato ricevuto dal Parlamento, da voi. Questa è la guida della nostra azione", ha detto il premier. "L'Italia continuerà a lavorare con l'Ue e i partner G7 per sostenere l'Ucraina", ha aggiunto. A cura di Francesco Giovannetti  Video: Senato Web Tv

Da Königsberg a Kaliningrad, la storia dell'enclave russa in Polonia

video La storia di questo territorio schiacciato e isolato tra Lituania e Polonia, lontano dalla Russia, di cui è parte, è relativamente recente. Per lungo tempo la regione di Kaliningrad è stata abitata da tedeschi, era parte della Prussia e il capoluogo si chiamava Königsberg: lì è nato e ha vissuto il filosofo Immanuel Kant nel Settecento. Ma tutto è cambiato sul finire della seconda Guerra Mondiale, il territorio è stato annesso all'Urss, ha cambiato nome e la popolazione è stata sostituita. Durante la guerra fredda Kaliningrad è stata un avamposto strategico sul Mar Baltico e ancora oggi rappresenta un'importante arma di pressione russa nei confronti della Nato e dell'Europa a causa dell'elevato tasso di militarizzazione del territorio.A cura di Sofia GadiciSegui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Gb, pendolari furiosi per lo sciopero dei trasporti: un uomo blocca un bus non in servizio a Londra

video E' paralisi dei treni in Gran Bretagna per uno storico sciopero di tre giorni (oggi, giovedì e sabato), il maggiore in oltre 30 anni, iniziato dai sindacati dopo il fallimento delle trattative coi vertici delle compagnie ferroviarie e il Network Rail (gestore pubblico della rete). Viene prevista la cancellazione dell'80% dei servizi, quindi il consiglio è di non andare nelle stazioni, che appaiono deserte o con al massimo poche persone in cerca dei convogli in partenza. A Londra si aggiunge anche lo sciopero della metropolitana ad aggravare la situazione. Milioni di persone hanno scelto di utilizzare altri mezzi per muoversi in questa giornata di 'passione', causando un forte intasamento della rete stradale. Ai disagi si è aggiunto anche il blocco del sito di Network Rail, andato in tilt a fronte delle tante ricerche sui pochi treni che circolano. Nel video, un uomo esasperato ha bloccato il persorso di un bus non in servizio, chiedendo all'autista di aprire le porte della vettura e di permettere a tutte le persone in attesa ai lati della strada (stazione di Blackhorse Road) di salire all'interno.Video Reuters

"Ti stanno rubando lo zaino": il furto in diretta Twitch allo streamer Erkole

video L'hanno avvisato i suoi follower, "guarda che ti stanno rubando lo zaino!", mentre stava facendo una diretta su Twitch da piazza Duomo a Milano. Nelle immagini estratte dal video si vede proprio un uomo che si avvicina alle spalle di Marco Ghino, conosciuto sui social col nome di Erkole, 35 anni: si abbassa e gli porta via lo zaino che lo streamer aveva appoggiato per terra per fare la diretta. La vittima è riuscita a fermare così uno dei due ladri, il complice - un ragazzo di origini algerine di 24 anni - in attesa che arrivasse la polizia ma l’altro è scappato col suo zaino. L’arrestato deve rispondere di furto con destrezza in concorso.testo di Ilaria Carravideo Twitch/Erkole

Caccia all'uomo col drone: i mercenari della Wagner mostrano la guerra combattuta con il tablet

video Durante questi mesi di conflitto in ucraina, sono state molte le scene di combattimento registrate direttamente dall' "occhio" dell'arma, ovvero il drone armato, usato per colpire in piccole azioni con cariche di proiettili o piccole bombe, usata sia dai russi che dagli ucraini. Ad esempio, gli ucraini usano lo ‘Switchblade’ o Bayraktar TB-2, a cui i russi rispondono prevalentemente con il modello Orion. Qui è la Compagnia di mercenaria Wagner Group al soldo dei russi, mostra come una sua "pattuglia" seduta lontana, possa andare attraverso la telecamera del drone all'inseguimento di un gruppo di soldati ucraini, stanandoli e colpendoli mentre cercano di ripararsi in una casa.Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter video Wagner Telegram diritto