La razzia cecena: ladri di biciclette a Mariupol

video Una scena di allegria quasi infantile in una pausa dei combattimenti a Mariupol. Un miliziano ceceno, più o meno ventenne, gioca con una bicicletta: la stazza del soldato spicca sulle dimensioni della bici da bambino. E stona il contrasto tra l'aria sorridente e il kalashnikov sulla spalla. Gli altri militari, con mitra e lanciarazzi Rpg, scherzano sulle prodezze del ciclista. Ma l'intera sequenza è distonica, dissociata dalla realtà della guerra: si tratta infatti del saccheggio ai danni di un'abitazione ucraina. I miliziani entrano in un garage e prendono una seconda bicicletta. Il soffitto è sfondato dallo spostamento d'aria delle esplosioni, che probabilmente hanno divelto anche la saracinesca. C'è un'automobile intatta con il cofano motore aperto, forse nel tentativo di accenderla o solo per rubare la batteria elettrica. Dietro i sorrisi, c'è tutta la violenza di questo conflitto.Segui gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletter quotidianaSentieri di guerra Video Twitter - IgorGirkin

Conte al Club dei docenti di Treccani: "In futuro dovremo de-occidentalizzare il nostro sapere"

video Così il presidente del M5s Giuseppe Conte, in collegamento streaming con il "Club dei docenti" di Treccani Scuola, in merito alla scuola che vorrebbe vedere da qui a dieci anni. "Dobbiamo iniziare a de-occidentalizzare il nostro sapere. Noi guardiamo il mondo con i nostri occhiali ma dobbiamo essere sempre attenti a non offrire una visione eurocentrica. Tantissimo accrescimento ci è venuto anche da altre culture: contaminiamoci e aggiorniamoci con i nuovi saperi", ha detto l'ex premier.

Conte al Club dei docenti di Treccani: "Preoccupato della riduzione delle risorse per l'istruzione"

video È quanto ha detto il presidente del M5s Giuseppe Conte intervenendo al seminario in streaming del "Club dei docenti" di Treccani Scuola. "Guardo con preoccupazione la riduzione delle risorse destinate all'istruzione, la scuola ha bisogno di ulteriori risorse destinate anche ai docenti", ha detto Conte, che poi è tornato sulla questione dell'aumento delle spese per gli investimenti militari. "Non ha senso fare questa rincorsa al riarmo - ha detto - il nostro Paese deve investire ancora di più nella transizione energetica, nel capitale umano, nella filiera dell'istruzione e nella giustizia sociale".Di Francesco Giovannetti

Metropolis/71 - Ucraina. Genocidio di Stato. Con Caracciolo. Massini e Nardella (integrale)

video La vicepremier ucriana in Senato denuncia il genocidio del suo popolo. La stessa parola che usa il presidente Biden. I bombardamenti intanto non danno tregua ai civili, problemi anche con i corridoi umanitari. Per i russi Mariupol è caduta. In Europa e in Italia si continua a discutere di sanzioni. Ma a Roma in cdm si parla soprattutto di PNRR, evasione fiscale e trasferimenti ai Comuni. Oggi a Metropolis il sindaco di Firenze Dario Nardella e il direttore di Limes Lucio Caracciolo. In collegamento dall'Ucraina Francesco Semprini. In studio Alessandro De Angelis e Gerardo Greco. Con gli scenari di guerra di Gianluca Di Feo, un sondaggio di Ixé di Roberto Weber e un videoeditoriale del giurista Stefano Manacorda, della commissione governativa per la codificazione dei crimini internazionali. La controcopertina è di Stefano Massini. Segui tutti gli aggiornamenti sull'Ucraina

Metropolis/71 - Caro energia, Nardella: "Il governo si muova, non reggiamo un terzo anno di crisi"

video Draio Nardella, sindaco di Firenze, denuncia a Metropolis le criticità degli amministratori locali a causa del caro energia: "C'è un grosso problema legato ai bilanci comunali, a Firenze registriamo un aumento della spesa energetica di 13 milioni di euro. Ho incontrato il ministro dell'Economia Franco, sta studiando nuove misure, ma bisogna decidere velocemente. Dopo due anni di pandemia, e ora con le conseguenze della guerra, non reggiamo un terzo anno di crisi". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'Ucraina Iscriviti alla Newsletter

Metropolis/71 - Stefano Manacorda: "Quando è 'genocidio' per la legge internazionale"

video Il presidente americano Biden accusa apertamente la Russia di genocidio, Macron preferisce essere più cauto. La denuncia è stata lanciata dal premier Zelensky dopo la strage di Bucha e riportata oggi dalla sua vicepremier in audizione al Senato italiano. Ma quando si può davvero parlare di genocidio secondo la legge? Metropolis l'ha chiesto a Stefano Manacorda, giurista della commissione governativa per la certificazione dei crimini internazionali. Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Metropolis/71 - Ucraina, Caracciolo: "Perché Kiev non vuole Scholz"

video Il direttore di Limes Lucio Caracciolo spiega a Metropolis perché Kiev ha rifiuttato la visita del presidente tedesco, "un incidente diplomatico di prima grandezza". Incidente ancora più grave sarebbe includere Svezia e Finlandia nella Nato: "Il presidennte russo avrebbe la Nato davanti alla sua finestra di San Pietroburgo". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Spagna, sequestrata la piantagione di cannabis più grande d'Europa: le immagini dal drone

video Le autorità spagnole hanno distrutto circa 415mila piante di cannabis coltivate in 67 ettari per un valore complessivo di circa 100 milioni di euro. L'operazione della Guardia Civil ha condotto all'arresto di tre persone accusate di aver gestito nella provincia di Navarra quella che è considerata al momento la piantagione di cannabis più estesa d'Europa. Oltre alle piante ancora in fase di crescita - secondo le autorità di Madrid - sarebbero state raccolte (e sequestrate) oltre 50 tonnellate di infiorescenze pronte per la lavorazione. Stando alle informazioni rilasciate dagli inquirenti le piante non sarebbero state coltivate per produrre sostanza stupefacente (con alte percentuali di THC) ma per estrarre il CBD o cannabidiolo, una sostanza il cui utilizzo e vendita è legale in Spagna ma non la sua coltivazione. Secondo la Guardia Civil le piante essiccate sarebbero state esportate successivamente in Svizzera o in Italia, paesi in cui la lavorazione delle infiorescenze per produrre CBD è consentita dalla leggeVideo Ansa