L'Opera di Odessa suona "Va, Pensiero" tra bandiere ucraine e barricate: l'esibizione emozionante

video L'Opera di Odessa si è esibita all'aperto, sfidando gli attacchi russi e intonando "Va, Pensiero, uno dei cori più noti del Nabucco di Giuseppe Verdi, cantato dagli Ebrei prigionieri a Babilonia pensando alla terra natia. L'Operà di Odessa ha chiesto una "no-fly zone" sull’Ucraina. La città è uno degli obiettivi dell’invasione russa. L'esibizione è commovente.Segui gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletterVideo YouTube

Firenze, da Letta a Calenda i big dei partiti alla manifestazione per la pace in Ucraina

video Tanti i politici nazionali accorsi alla manifestazione contro la guerra in Ucraina di piazza Santa Croce a Firenze. Dal segretario Pd Enrico Letta a quello di Azione Carlo Calenda, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il ministro della Salute Roberto Speranza, l'ex ministro della Giustizia M5S Alfonso Bonafede, Luciano Nobili di Italia Viva, Pierferdinando Casini, Nicola Fratoianni, e tanti sindaci.Video di GIULIO SCHOEN

Roma, la scuola ucraina accoglie i profughi: "I bambini hanno l'occasione di dimenticare l'inferno"

video Tornare in classe con lo zaino in spalla. Un tentativo di ritorno alla normalità per i bambini rifugiati dall'Ucraina che, a Roma, sono stati accolti dalla scuola ucraina 'Prestigio'. "Abbiamo accolto i bambini profughi ucraini - racconta Tetyana Tarasenko, presidente dell'associazione -. Ci sono tante difficoltà, ma siamo riusciti a organizzare dieci gruppi per permettere ai ragazzi di non perdere l'anno scolastico e finirlo. La scuola sarà gratuita per i profughi per tutto il periodo della guerra". Le lezioni si tengono il sabato pomeriggio, nei locali dell'Istituto Pilo Albertelli vicino alla Stazione Termini. Un'occasione di ritrovo per le persone fuggite dal conflitto. "Siamo di Kiev. Siamo arrivati a Roma il 27 febbraio, dopo dieci giorni di guerra - racconta una mamma -. Eravamo nascosti sottoterra. Dopo lo shock ora i bambini hanno questa occasione per trovare nuovi amici e dimenticare l'inferno".Di Luca PellegriniSegui gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletter

Ucraina, Zelensky parla alla manifestazione di Firenze: "L'Europa aiuti se stessa"

video "Dobbiamo stare insieme nella Comunità europea, è importante per l'Ucraina. La guerra non è solo contro gli ucraini, ma contro i valori che ci uniscono, contro il nostro modo di vivere. Non di uccidere, come fanno i russi. Capite perchè siamo diversi: noi viviamo, loro uccidono". Lo ha affermato Volodymyr Zelensky, presidente dell'Ucraina, intervenendo in collegamento video con la manifestazione di Eurocities in piazza Santa Croce a FirenzeVideo di GIULIO SCHOEN

"L'arte dei gelatieri italiani patrimonio Unesco: così abbiamo lanciato la candidatura"

video Al 43esimo Sigep (l'expo internazionale del dolce), l’Unesco Club di Udine presenta il progetto di candidatura per il riconoscimento dei “maestri del gelato di tradizione italiana” a patrimonio dell’Umanità. Un primo passo per un iter che porterebbe alla valorizzazione di un mestiere antico tipicamente italiano, apprezzato del mondo e sempre più specializzato. Ne abbiamo parlato con Giancarlo Timballo e Sergio Colalucci, presidente e commissario della coppa del mondo della gelateria.Video di Eleonora Cozzella e Daniele Solavaggione

I collaboratori più stretti di Zelensky si mostrano per le strade di Kyev: "La città è sempre bellissima"

video "Kiev è sempre bellissima, anche in tempo di gerra". Lo dicono alcuni dei più stretti collaboratori del presidente Ucraino mostrandosi in un video per le strade deserte della capitale. "Zelensky e sempre al lavoro", assicurano poi. Tra gli autori del video si riconoscono il vice capo della Camera Civica Kyrylo Tymoshenko, Mykhailo Podoliyak, consigliere del presidente Zelensky, e David Arakhamia, leader della maggioranza parlamentare ucraina.LA DIRETTAvideo Twitter

Crozza-Salvini sul sindaco di Przemysl: "Sapete che vuol dire fare tutta quella strada per fare una figuraccia in mondovisione?"

video Il comico Maurizio Crozza durante la sua trasmissione su Nove, veste i panni di Matteo Salvini. Il segretario della Lega tenta di motivare la figuraccia fatta in Polonia dove il sindaco di Przemysl gli ha sventolato in faccia la maglietta di Vladimir Putin ricordandogli l'amicizia con il presidente russo.Video Nove/Fratelli di Crozza, Discoveryplus.it