Procida, frana un costone alla Chiaiolella

video L'episodio intorno alle 13, nessun ferito: l'area era già interdetta alla balneazioneUn nuovo, significativo smottamento ha interessato oggi uno dei costoni della Chiaiolella, a pochi metri dai faraglioni di Procida, in un tratto di spiaggia già interdetto alla sosta e alla balneazione. Preceduta da un forte boato, la frana ha portato in spiaggia pietre, terriccio e detriti, a pochi metri da qualche bagnante fuori stagione. Non ci sono feriti. La polizia municipale ha completamente interdetto il tratto di arenile.L'episodio conferma la fragilità dei litorali dell'isola, già più volte interessati da fenomeni franosi, anche - come accadde alla Chiaia nell'estate 2018 - a pochi metri dai bagnanti. "Il consolidamento dei costoni di Procida è una delle priorità già individuate - sottolinea Rossella Lauro, assessora ai lavori pubblici - e abbiamo già intercettato, con la Città Metropolitana, uno stanziamento di poco più di due milioni di euro per la messa in sicurezza del litorale di Ciraccio". Pasquale Raicaldo

Manovra, Gualtieri: "Estenderemo la cassa integrazione stanziando 5 miliardi"

video "Una manovra per crescere e ripartire, fortemente espansiva". Definisce così la nuova legge di bilancio varata dal governo il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Estenderemo la Cig, stanziando 5 miliardi con un decreto specifico che chi ha finito le settimane a novembre e arrivare tutti al 31 dicembre e poi per il 2021 stanziamo 5 miliardi di Cassa integrazione per tutelare l'occupazione, lavoratori e imprese", ha aggiunto. "Stanziamo ulteriori risorse per l'acquisto dei vaccini, dopo quelle stanziati a terapie intensive e la ricerca col dl Agosto. Complessivamente sono 4 miliardi", ha concluso.a cura di Camilla Romana Bruno video Palazzo Chigi

Conte: "Manovra da 39 mld che non prevede aumento tasse. Prevediamo nuovo ciclio di cassa integrazione"

video "E' una manovra in forte espansione che non prevede aumenti di tasse: questo è molto significativo, una scelta precisa, un indirizzo politico che abbiamo perseguito fino all'ultimo nonostante la grave recessione economica e sociale", ha affermato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi con il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, per illustrare la nuova manovra di bilancio. "L'importo complessivo è di 39 miliardi di euro, 24 miliardi per la legge di bilancio e 15 vengono collegati al programma NextGenerationEu. Sono risorse significative, nonostante il contesto difficile che stiamo vivendo" ha aggiunto il premier Conte. a cura di Camilla Romana BrunoVideo Palazzo Chigi

Mes, Conte rassicura Zingaretti: "Ne discuteremo in sedi opportune ma aspettiamo Stati Generali M5S"

video "Ho risposto a una domanda ma non vuol dire che la questione del Mes è risolta ieri (18 ottobre) in conferenza stampa. Ci sono le sedi opportune e ci sarà l'opportunità per parlarne", dichiara il premier Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi per illustrare la nuova manovra di bilancio, rispondendo al segretario dem Zingaretti che oggi aveva definito poco opportuno da parte del presidente del Consiglio liquidare la questione del Mes con una battuta in conferenza stampa (quella tenuta per illustrare il nuovo dpcm). "Anzi vi anticipo: siccome le forze di maggioranza hanno chiesto un momento di confronto ritengo quantomeno opportuno un confronto politico per definire le priorità, per definire un patto in vista della fine Legislatura. Il M5S ha fissato gli Stati Generali tra qualche giorno: credo sia opportuno dare loro la possibilità di definire questo passaggio, poi si procederà a un confronto di maggioranza", ha concluso.a cura di Camilla Romana Bruno

Fedez e Chiara Ferragni "messaggeri" per il premier Conte: "Ci ha chiesto un aiuto a sensibilizzare i ragazzi: usate la mascherina"

video "Con un semplice gesto potremo evitare lo scenario tra i più brutti che abbiamo vissuto negli scorsi mesi. Mi raccomando ragazzi, utilizzate la mascherina". A chiederlo ai suoi followers è il cantante Fedez con alcune stories su Instagram, ma Fedez parla anche per conto terzi: perché nelle stories racconta che ieri lui e sua moglie Chiara Ferragni hanno ricevuto "una telefonata molto inaspettata: siamo stati messi in contatto con il presidente del Consiglio Conte che ha chiesto un aiuto da parte mia e di mia moglie: se queste stories, anche in piccolissima parte riusciranno a essere utili, io non posso che esserne contento. Ci è stato chiesto un aiuto sull'esortare la popolazione, soprattutto quella più giovane, a utilizzare la mascherina".Video Fedez/Instagram

Coronavirus, Conte chiama Fedez e Chiara Ferragni: "Spingete i ragazzi a usare sempre la mascherina"

video Una storia per aiutare il Paese. Il premier Giuseppe Conte ha chiesto a Fedez e Chiara Ferragni il loro aiuto per far capire ai giovani quanto è importante usare la mascherina. A raccontarlo è il rapper in una storia su Instagram dove lancia l'appello ai ragazzi: "Con un semplice gesto potremmo evitare lo scenario che abbiamo vissuto negli scorsi mesi. Quindi mi raccomando ragazzi, utilizzate la mascherina".Video Fedez/Instagram

Rai Storia: "Il Segno delle Donne" Matilde Gioli è Vera Vergani

video Nel 1905, sul palcoscenico di un teatro a Cividale del Friuli, Vera Vergani debutta in una rappresentazione di “Così va il mondo bimba mia” di Giacinto Gallina. Vera ha allora appena dieci anni, ma il suo futuro nella recitazione appare già una certezza. È cresciuta tra gli artisti che frequentavano la casa della sua famiglia, i Podrecca, e sa bene quale strada vuole percorrere. Vera Vergani – alla quale dà voce e volto Matilde Gioli nella conversazione “impossibile” con Rachele Ferrario – è la protagonista del nuovo appuntamento con “Il Segno delle Donne”, la co-produzione originale Rai Storia – Anele, che Rai Cultura propone martedì 20 ottobre alle 21.10 su Rai Storia. Un frequentatore abituale di casa Podrecca è il capocomico Ferruccio Benini, che nel 1912 propone alla diciassettenne Vera Vergani di entrare a far parte della sua compagnia. Ha inizio così, dunque, la carriera di Vera. Il talento della Vergani la porta in seguito a recitare per le compagnie di Ruggero Talli dal 1914 e di Dario Niccodemi dal 1920. Il sodalizio artistico con quest’ultimo le porta innumerevoli successi: è l’attrice di Pirandello e di D’Annunzio, viene apprezzata dalla Duse e amata dal pubblico. Vera Vergani incarna a pieno il mito del divismo degli anni Venti. È una donna coraggiosa e anticonvenzionale, che conquista spettatori in tutto il mondo. Durante una traversata oceanica si innamora di Leonardo Pescarolo, comandante del transatlantico su cui viaggia, e decide di lasciare per sempre al teatro per dedicarsi alla famiglia. È ancora bella, all’apice del successo, ma il 13 gennaio del 1930, dal palcoscenico del Teatro Manzoni di Milano, saluta il suo pubblico per l’ultima volta.Video Rai storia

Covid-19, Galli: "Chiusura scuole? Se non invertiamo tendenza rapidamente serviranno misure drastiche"

video Il sistema governativo "è stato carente, mi sarei aspettato più concretezza e meno litigiosità. Concedendo il 'liberi tutti' quest'estate, credo che ci si sia cullati troppo sulla possibilità che non avremmo riavuto il problema (dei contagi ndr) con questa entità". Queste le parole del virologo e direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano Massimo Galli, a margine di una sua visita a Milano al laboratorio mobile per lo screening gratuito per il Covid-19 e l'epatite C. "Il lockdown è una cosa drammatica e semplice - ha proseguito il virologo - quando non sai cosa fare chiudi tutto. Il punto è che avremmo dovuto imparare e applicare altre pratiche che avrebbero dovuto evitare questa condizione".di Edoardo Bianchi

L'enorme platano di Giardin Grande finisce in un museo

video Il Comune avrebbe potuto smaltire come cippato l’enorme platano di piazza Primo Maggio abbattuto dal nubifragio che domenica 30 agosto ha sferzato il Friuli, invece il legname dell’albero – ricevuto l’ok dall’Ersa – sarà riutilizzato e trasformato in tavole o altri oggetti come per esempio delle penne. Alcune rondelle saranno donate al Museo di storia naturale di Udine e alla Regione per farne un oggetto di studio. Parla del progetto Andrea Maroè, referente tecnico del settore per il Fvg, già direttore del Verde pubblico di palazzo D’Aronco (videoproduzioni Petrussi)