Milano, in tremila contro l'omotransfobia: Erika e Martina rileggono sul palco gli insulti ricevuti

video C'erano tremila persone a manifestare in piazza della Scala a Milano contro l’omotransfobia e per sostenere la proposta di legge Zan. Tra loro anche Erika e Martina, le due ragazze che avevano denunciato gli insulti omofobi dopo un bacio postato sui social: "Siamo arrabbiate con la gente che ci offende, ma molto di più con chi tutela quelle persone parlando di libertà di pensiero", hanno detto Erika e Martina rileggendo in pubblico alcuni di quegli insulti. "Chiudiamo con quel bacio che tanto ha indignato gli omofobi. Evviva l'amore". Sul palco anche la vice presidente dell'Emilia-Romagna, Elly Schlein,: "La legge Zan deve passare in fretta: è il minimo sindacale in un paese civile".Di Edoardo Bianchi

Trump dalla Casa Bianca senza mascherina: "Grazie per le vostre preghiere, batteremo il virus cinese"

video “Voglio ringraziare tutti voi per le vostre preghiere”, ha detto Donald Trump dal balcone della Casa Bianca nel suo primo evento pubblico dopo il ricovero per Covid la settimana scorsa. Davanti a un migliaio di persone il presidente americano, senza mascherina, ha detto di stare bene e ha aggiunto: il coronavirus "sta per scomparire. Con la potenza della scienza e della medicina americana, sradicheremo il virus cinese una volta per tutte". E a proposito del suo rivale Biden ha aggiunto: “Non possiamo permettere alla nostra nazione di diventare una nazione socialista. O peggio".video Twitter / The Hill

ClioMakeUp risponde alle polemiche: "Il mio correttore è inclusivo, quando ho visto le critiche sono caduta dalla sedia"

video Clio Zammatteo, in arte ClioMakeup, risponde alla polemica social seguita al lancio della sua linea di correttori, definiti da molti utenti "non inclusivi per chi ha la pelle scura". E lo fa con Repubblica. In un video esclusivo, la youtuber e makeup artist italiana spiega: "Le critiche sono state mosse soprattutto da chi non ha mai visto il prodotto dal vivo e che si è basato su una foto dove si vedono i 14 correttori all'interno di un packaging non trasparente. Ho lavorato tantissimo a questo correttore", continua Clio, "proprio con l'idea di inclusività, perché ho pensato a qualcosa che potesse essere un punto di partenza per poter soddisfare più persone possibile. Quindi, quando ho iniziato a ricevere queste critiche sono caduta dalla sedia".

Roma, in pochi alla manifestazione di Gilet arancioni e Forza Nuova. "Senza mascherina rischio la multa? Tanto le colleziono"

video Alla manifestazione di Forza Nuova e gilet arancioni, in piazza Bocca della Verità a Roma, c'erano appena settecento persone, secondo gli organizzatori. La protesta era contro le restrizioni imposte dal Governo, a partire dall'utilizzo delle mascherine. Un militante di Forza Nuova, Giuliano Castellino, è entrato in piazza con il volto coperto da un passamontagna, mentre alcuni manifestanti hanno contestato i giornalisti presenti. Una signora, a cui è stato fatto notare che rischiava la multa senza mascherina, ha risposto: "Chi se ne frega, tanto le colleziono".di Luca Pellegrini

Doodle di Google dedicato ad Anton Wilhelm Amo: fu il primo studente africano in un'università europea

video Google dedica oggi il doodle ad Anton Wilhelm Amo, filosofo ghanese naturalizzato tedesco. Fu il primo studente africano a frequentare un’università europea. Nato in Ghana nel 1703, Amo studiò alla Wolfenbuttel Ritter-Akademie e all'università di Helmstedt grazie all’appoggio del suo protettore, il duca tedesco Antonio Ulrico di Brunswick-Wolfenbüttel. A trent’anni si dedicò completamente alla filosofia e divenne professore all'Università di Halle e a quella di Jena. Morto il duca, Amo fu oggetto di una campagna di denigrazione che lo costrinse a scappare dalla Germania. Tornò così in Ghana, raggiungendo la sua famiglia, e lì morì nel 1759. Icona della lotta al razzismo, proprio il 10 ottobre del 1730 Anton Wilhelm Amo avrebbe conseguito l'equivalente del dottorato in filosofia presso l’Università di Wittenberg. di Sofia Gadici

Parma, duetto verdiano sul campo da tennis nel giorno del compleanno del Maestro

video L'opera incontra lo sport: al President Tennis Club del Comune di Montechiarugolo è andato in "scena" sulla terra rossa un recital verdiano durante gli Internazionali di Tennis Emilia RomagnaATP Challenger 125. Protagonisti i solisti dell'Accademia Verdiana. L'appuntamento fa parte delle iniziative organizzate in occasione delle celebrazioni per i 207 anni dalla nascita di Giuseppe Verdi.Teatro Regio Parma

Mika al piano con 'Any other world' per la sua Beirut ferita

video Un grande show in memoria delle persone che hanno perso la vita e che sono state colpite dall'esplosione a Beirut il 4 agosto scorso. Un concerto ideato, organizzato e prodotto da Mika per aiutare la sua città ferita e per stare accanto alla popolazione libanese. 'I love Beirut', l’evento di beneficenza trasmesso in streaming lo scorso 19 settembre e che ha raccolto oltre un milione di euro, arriva su Sky e Now Tv domenica 11 ottobre alle 21.15 su Sky Uno e Now Tv, sempre disponibile on demand. Una serata in cui Mika ha proposto dal teatro Niccolini di Firenze una versione intima dei suoi pezzi più noti, da 'Grace Kelly' a 'Promiseland', fino a 'Any other world', che vi proponiamo in anteprima. Il cantautore ha coinvolto in questo progetto alcuni suoi amici che hanno partecipano in collegamento da tutto il mondo, da Laura Pausini che si è esibita all’interno del Colosseo vuoto, a Kylie Minogue, Salma Hayek, Rufus Wainwright, la star messicana Danna Paola, Fanny Ardant, Louane (in collegamento dal Sacre Coeur di Parigi), la poetessa Etel Adnan e la band libanese Mashrou’ Leila. Immagini concesse da Sky

Chi è Deva: la figlia di Monica Bellucci e Vincent Cassel ottiene la sua prima copertina

video Deva Cassel, a 16 anni, diventa per la prima volta protagonista della copertina di una rivista. La madre è orgogliosa e la condivide sui social, riaccendendo l'interesse per la ragazza. Stessi capelli, stesse labbra, stesso naso e stesso fisico curvilineo della madre; lo sguardo invece si avvicina di più a quello del padre. Per il resto, di Deva Cassel si sa e si può vedere davvero poco. La figlia maggiore di Monica Bellucci e Vincent Cassel è riservata e schiva. Le sue apparizioni sono poche e la sua presenza sui social è avvolta nel mistero: le sue immagini ufficiali sono molto rare e apprezzate.