Coronavirus, grigliata sul tetto del palazzo a Palermo: interviene la polizia

video Per eludere i controlli anti contagio hanno organizzato la grigliata sul tetto del palazzo. Bambini, mamme e papà. La brace e i balli con la birra in mano. La polizia è arrivata allo Sperone e ha interrotto la festa. E' intervenuto anche l'elicottero. Adesso c’è da comprendere se la famiglia, o le famiglie, saranno sanzionate o meno. Di fatto erano in un’area privata e non per strada. (Romina Marceca)

Coronavirus, Boris Johnson: "Il Servizio sanitario nazionale mi ha salvato la vita". E nomina tutti i medici e infermieri

video Il premier britannico Boris Johnson è stato dimesso dal St. Thomas Hospital di Londra dopo avere superato il momento più brutto del suo ricovero nel reparto di terapia intensiva. Con un video sul suo profilo Twitter ha voluto ringraziare medici e infermieri che gli hanno "salvato la vita": "Ho lasciato l'ospedale dopo una settimana in cui il Sistema sanitario nazionale (National Health Service) mi ha salvato la vita, senza alcun dubbio. E' difficile trovare le parole per esprimere la mia gratitudine". Il premier ha ringraziato tutti i cittadini del Regno Unito che stanno seguendo le regole rimanendo in casa nonostante le giornate di bel tempo e poi si è dedicato a medici e personale sanitario che lo hanno curato in queste giornate difficili, nominadndoli uno a uno. Nello specifico, Johnson ricorda l'infermiera e l'infermiere che hanno passato con lui le ore più drammatiche: "Sono rimasti accanto al mio letto per 48 ore quando la mia situazione era molto incerta. Sono Jenny dalla Nuova Zelanda e Luis dal Portogallo: il motivo per cui alla fine il mio corpo ha ricominciato a ricevere ossigeno a sufficienza è perché loro sono stati ogni secondo della notte a controllare, pensare e prendersi cura di me, e fare tutto quello di cui io avevo bisogno". Johnson ha dunque ricordato le centinaia di migliaia di lavoratori del Nhs che combattono 24 ore su 24 il coronavirus nel Regno Unito: "Vinceremo perchè il Servizio sanitario nazionale (Nhs) è il cuore pulsante di questa nazione, è il meglio del nostro Paese". video Twitter/Boris Johnson

Coronavirus, la giornalista di Sky positiva al Covid-19: "Dopo un mese non sono ancora guarita"

video "Cari amici vi faccio gli auguri di buona Pasqua spiegandovi anche cosa mi è successo nelle ultime settimane...". Giovanna Pancheri, giornalista di Sky Tg24, racconta così, con questo post e un lungo video su Instangram, la sua quarantena. La corrispondente da New York è risultata positiva al Covid-19 al ritorno in Italia dagli Stati Uniti ormai un mese fa e si è subito messa in isolamento: "Così ho salvato la mia famiglia - racconta - dopo un mese sono ancora positiva ma credo di aver suprato la parte più difficile"  Video Instagram/Giovanna Pancheri

Coronavirus in Lombardia: 300 voci per il coro virtuale che augura buona Pasqua

video Un coro di 300 voci, distanti ma unite nella musica per cantare tutti assieme e sentirsi più vicini in questi giorni di isolamento. Gli allievi della scuola di musica milanese Cluster, guidati dalla direttrice Vicky Schaetzinger e diretti dal maestro Piero Basilico, hanno realizzato una performance virtuale emozionante sulle note del brano ‘Revelation 19:1’ di Jeffrey LaValley. La scuola è chiusa da più di un mese, ma la voglia di far musica di allievi e insegnanti non si è fermata di fronte al coronavirus: grazie alle lezioni online, soprani, tenori, bassi e contralti hanno imparato la parte guidati dal direttore del coro. Poi ognuno ha realizzato un video da casa con lo smartphone, mentre canta la sua parte. Grazie al lavoro minuzioso dei tecnici sono riusciti a mettere insieme un puzzle di centinaia di voci, volti ed emozioni, regalando un augurio di buona Pasqua corale e virtuale.Video di Cluster

Coronavirus, papa Francesco: "Non è questo il tempo degli egoismi, l'Europa dia prova di solidarietà"

video "Tra le tante aree del mondo colpite dal coronavirus rivolgo uno speciale pensiero all'Europa. Dopo la Seconda guerra mondiale questo continente è potuto risorgere grazie a un concreto spirito di solidarietà che gli ha consentito di superare le rivalità del passato. È quanto mai urgente, soprattutto nelle circostanze odierne, che tali rivalità non riprendano vigore, ma che tutti si riconoscano parte di un’unica famiglia e si sostengano a vicenda". E' l'appello di papa Francesco dalla basilica di San Pietro in occasione della messa di Pasquavideo Vatican Media