Metropolis/142 - "Poi gliene restano 1000". Nuovi slogan e alleanze tutte da rifare. Con Luigi Di Maio e Mario Monti (integrale)

video A poche ore dalle dimissoni di Draghi, i partiti sono in piena campagna elettorale. Berlusconi promette 1000 euro al mese ai pensionati, incontra Meloni, programma un vertice di centrodestra e punta alla presidenza del Senato. Il segretario del Pd Letta dice: "Né coi 5 stelle né con Renzi". Calenda. "In 24 ore 2000 iscritti ad Azione". Ma quali sono i nodi che il governo Draghi dovrà affrontare fino alla nascita del nuovo esecutivo? E quanto vale il centro ancora non unito dall'agenda Draghi? Oggi a Metropolis ci sono il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, leader di Insieme per il futuro, e il senatore a vita Mario Monti. In studio: Matteo Pucciarelli e Francesca Sforza. In collegamento da Montecitorio Gabriele Rizzardi, da Palermo Marta Occhipinti. Nella seconda parte della trasmissione si parla di Robinson e di giallo con Edoardo Buffoni, Dario Olivero e Saverio Raimondo. Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di RepubblicaLa giornata politica in diretta: segui le notizie di oggi sulle elezioni anticipate

Metropolis/142 - Pensioni, Monti: "I 1000 euro sono proiettili seducenti, ma non hanno senso"

video L'ex premier e senatore a vita, Mario Monti, a Metropolis da un lato boccia la promessa di riforma pensionistica presentata da Silvio Berlusconi, dall'altro non è convinto dal cerchio che si stringe intorno a Draghi dopo le sue dimissioni: "Sono sempre scettico quando mi parlano dell'agenda di qualcun'altro". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/142 - Elezioni, Di Maio (Ipf): "Sala un interlocutore da tempo, chi rivota i 5s o la Lega oggi?"

video "I ministri di Forza Italia con noi? Devono deciderlo loro". Non si sbilancia sulle future alleanze il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che però non si risparmia sugli ex alleati dopo la caduta del governo Draghi: "La maggior parte di quegli 11 milioni di elettori che votarono il Movimento nel 2018 non sceglieranno il partito di Conte, come gli imprenditori veneti faranno fatica a rivotare Salvini o Berlusconi" Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/142 - Pensioni, Di Maio (Ipf): "La destra vuole una riforma? Ma se non ce l'ha fatta nemmeno con Draghi"

video Luigi Di Maio, ministro degli Esteri e leader di Insieme per il futuro, è già in clima elettorale e attacca su più fronti: "La prima regola del gioco è la credibilità. Il capolavoro di Conte è stato dare il destino di Draghi alla destra" Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Istanbul, firmato accordo su esportazione grano: la stretta di mano tra il ministro ucraino e quello turco

video Ucraina e Russia hanno firmato a Istanbul due accordi separati con la Turchia e le Nazioni Unite sull'esportazione di grano e prodotti agricoli attraverso il Mar Nero. Kiev si è rifiutata di firmare il testo direttamente con Mosca, che si è impegnata a sottoscrivere un accordo identico con Ankara e il Segretario generale delle Nazioni Unite. Attorno al tavolo erano seduti Guterres e Erdogan: prima il ministro della Difesa russo Shoigu ha firmato l'intesa e dall'altro capo si è seduto il suo omologo turco Akar, che ha firmato anche lui. Subito dopo, quando Shoigu se n'era andato, si è seduto il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kubrakov e ha firmato l'accordo insieme al turco Akar.Video LaPresse