Alla caserma Piave di Padova l'inno alla pace di Frankie hi-nrg: libera il tuo futuro

video Per gli 800 anni dalla sua fondazione, l’Ateneo di Padova ha proposto, all'ex Caserma Piave a Padova, una serata di musica con dj set di Frankie hi-nrg mc. Il rapper e produttore discografico torinese ha interpretato il tema della libertà con una performance ideata appositamente per l’ottocentenario. Un appuntamento speciale in cui lo spazio storico dell’ex caserma Piave viene riaperto al pubblico e illuminato da uno spettacolo di musica e video mapping. In apertura dello spettacolo un inno alla pace con Imagine di John Lennon. (video Agenzia Bianchi)

Metropolis/125 - Rischiatutto. Lega contro Ius schoale, 5s contro Draghi. Con Baldino, Lepore, Tocci e Sileri (integrale)

video L'ira di Conte su Draghi: non si intrometta. La replica del premier da Madrid. Salvini attacca sullo ius schoale che è arrivato alla Camera. La Nato da Madrid: la Russia minaccia significativa e diretta". Oggi a Metropolis Matteo Lepore, sindaco di Bologna, Vittoria Baldino, portavoce dei 5 Stelle, Nathalie Tocci, direttore dell'Istituto Affari Internazionali, e Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute. In collegamento Paolo Di Paolo, con un servizio dal Gra occupato di Francesco Giovannetti. In studio con Gerardo Greco la vicedirettrice della Stampa Annalisa Cuzzocrea e il direttore di Repubblica Maurizio Molinari. Con i sentieri di guerra in video di Gianluca Di Feo.

Paura di volare, come si manifesta e come si vince: i consigli dello psicoterapeuta

video Può manifestarsi come un leggero stato di ansia ma anche come una fobia che arriva a provocare attacchi di panico. L’aerofobia, o aviofobia, colpisce quasi una persona su tre. Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, autore del libro "100 cose da sapere per volare sereni: Come affrontare il volo senza paura”, spiega sintomi, cause e rimedi: "Bisogna prima di tutto capire da dove nasca questo timore, partendo dalla consapevolezza che viaggiare in aereo è il modo più sicuro di muoversi"Di Sofia Gadici

Metropolis/125 - Ucraina, Tocci: "Allargamento Nato necessario, Putin non si fermerà al Donbass"

video Nathalie Tocci, direttrice dell'Istituto Affari Internazionali, commenta a Metropolis lo scenario europeo dopo l'allargamento verso oriente della Nato: "Siamo ad una svolta, è finita l'era post Guerra Fredda, si passa ufficialmente dalla deterrenza alla difesa. Mosca vuole ricostituire la vecchia Russia e non si fermerà al Donbass. E per fermare Putin servono purtroppo le armi". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Metropolis/125 - Baldino (M5s): "Chiamata Draghi-Grillo contro Conte inquietante e aberrante"

video "Trovo gravi le indiscrezioni sulla telefonata di Draghi a Grillo, non smentita. Da un servitore dello Stato non mi aspetto una ingerenza come questa nei fatti delle forze politiche che lo sostengono". Vittoria Baldino, deputata M5S, commenta così a Metropolis la chiamata del premier al fondatore, con presunte critiche su Conte. "Ora che Di Maio lo ha messo in sicurezza il premier si è sentito libero di dire la sua. Aberrante", conclude Baldino.

Metropolis/125 - Ius Scholae, Lepore: "Non si può aspettare. Il Pd si giochi tutto su diritti civili e sociali"

video Matteo Lepore, sindaco di Bologna con il Partito Democratico, parla a Metropolis del percorso verso lo Ius Scholae appena iniziato alla Camera: "Letta si sta battendo sui diritti e questo farà la differenza. Il Pd fa fatica quando separa i diritti civili da quelli sociali. Il nostro partito si giocherà il prossimo anno su questi temi: gli italiani vogliono lo Ius scholae". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Siccità, l'Autorità del fiume Po: "Che effetto hanno avuto le recenti precipitazioni e cosa ci aspetta"

video Le recenti piogge al Nord hanno portato un sollievo temporaneo dalla siccità ma le portate del Po sono ancora molte basse e il cuneo salino è arrivato a quota record a 30,6 chilometri. È quanto emerge da una nota dell'Autorità Distrettuale del fiume Po, che rileva come in ogni caso le ultime precipitazioni sono state molto utili negli equilibri idrologici a breve termine del fiume Po e degli affluenti. "Le precipitazioni ci consentono di saltare un turno di irrigazione ma in realtà ci permettono solo di spostare il problema di 30 giorni" dice il Segretario Generale di ADBPo-MiTE Meuccio Berselli. L’incremento di portata non risolve però il problema del pesantissimo deficit esistente ma, di fatto, lo sposta, in avanti di una decina di giorni, scongiurando però, per ora, la massima conseguenza della siccità stagionale, ovvero un preventivo e dannoso stop al prelievo. Le acque salmastre sono oggi arrivate ad oltre 30 chilometri dalla Costa Adriatica nel ferrarese e nel rodigino. Attualmente il contributo esclusivo di risorsa idrica ai livelli attuali del Po è garantito solo dall’approvvigionamento dei corsi d’acqua Adda, Ticino, Dora e Mincio alimentati dai grandi laghi tra i quali il Maggiore, che si è riportato in quota; oltre al Garda, che già beneficiava di un buon quantitativo invasato.  video LaPresse