Vendola canta 'Bella ciao' sul palco delle Sardine a Bari: il ritorno in piazza per Emiliano

video Nichi Vendola torna in piazza, per sostenere le ragazze e i ragazzi del coordinamento barese di 6000 Sardine e dire che "La Puglia non si Fitta!". E lo fa cantando 'Bella ciao': l'ex governatore regionale è andato in piazza Prefettura a Bari per ribadire la necessità di "non tornare indietro", perché "la Puglia vuole guardare a un futuro migliore". L'evento organizzato da 6000 Sardine Bari con i collettivi 'Puglia del futuro' e 'La Puglia non si lega' intende così, a pochi giorni dalle elezioni del 20 e 21 settembre, scongiurare il ritorno della destra alla guida della Regione, con il candidato Raffaele Fitto - L'ARTICOLO

Coronavirus, Francia: "Pronti ad adottare misure restrittive più forti"

video I dipartimenti di Lione e di Nizza (rispettivamente Rhone et Alpes-Maritimes) presentano le più gravi situazioni rispetto alla diffusione del coronavirus e dovranno adottare "misure" restrittive entro sabato 19 settembre 2020: è quanto ha dichiarato il ministro della Salute, Olivier Ve'ran, all'indomani dell'aumento dei contagi da Covid-19 nel Paese (oltre 10mila casi in 24 ore). Il ministro ha inoltre evocato "possibili restrizioni" ancora "più forti a Marsiglia" e in Guadalupa, "se la situazione non migliorerà".  Video: Ansa

Il candidato leghista a Fermo: "Per me votano ivoriani e putt... Una ciurma mi farà vincere"

video Romeni, ivoriani e prostitute: "Una ciurma che non me la può levare neanche il Padreterno". Così Luciano Romanella, candidato della Lega al consiglio comunale di Fermo, definisce il suo elettorato in una conversazione con un amico di altre simpatie politiche. Romanella, consigliere di lungo corso con un passato alla guida di un movimento civico e fra gli animalisti, è proprietario di immobili che affitta a immigrati e prostitute: "A me non dà fastidio nessuno, l'elettorato mio è inavvicinabile, il 50 per cento sono romeni. Domani sera sono a cena con gli ivoriani, sono 39 voti matematici. Ho una ciurma che non me la può levare neanche il Padreterno, capisci? Le tr.. di Tre Archi, quelle che non fanno più il mestiere, il giro attorno al Paradise. Tutta questa roba là non me la leva nessuno". Romanella spiega il suo passaggio con Salvini per motivi pratici: "Mi sono dovuto mettere con la Lega: perché se il centrodestra prende la Regione, io comando Fermo... Datemi il voto disgiunto e io comando Fermo coi soldi della Regione".

L'appello della mamma di Miriam, morta a 5 anni: "I medici dicevano che era stress"

video L'appello su Facebook di Antonella, la mamma di Miriam Laezza, morta a cinque anni in provincia di Napoli mentre era a scuola di danza. Era il 17 ottobre 2019. "Si era già sentita male tre volte e in ospedale i medici mi avevano detto che stava bene e sveniva perchè era stressata e gelosa del fratellino. Ora voglio sapere la verità", dice nel video messaggio Antonella Palladino, che a un anno di distanza cerca delle risposte per la scomparsa della sua piccola.  Video: Facebook/Antonella Palladino

Coronavirus, Mattarella e Steinmer: "Serve alleanza sul vaccino, deve essere per tutti"

video "Siamo ottimisti che un vaccino contro il Covid-19 ci sarà, magari più di uno. Ma sarà un processo di inizio, i vaccini dovranno essere continuamente migliorati". E' la linea condivisa del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e del presidente della Repubblica federale di Germania, Frank-Walter Steinmeier, intervenuti al seminario economico 'La rinascita ai tempi del Covid' organizzato dalla Fondazione Pirelli all'Hangar Bicocca. "Tutti i continenti devono essere concordi sul fatto che il vaccino può essere disponibile per tutti, ha sottolineato il presidente Frank-Walter Steinmeier, il virus lo sconfiggeremo solo se sarà vinto ovunque". A cura di Daniele Alberti  Video: Quirinale

I familiari dei pescatori sequestrati in Libia: "Lunedì andremo a Roma"

video "Lunedì andremo a Roma". I familiari dei 18 pescatori di Mazara del Vallo arrestati in Libia sono pronti a partire per sollecitare il governo a un intervento che sblocchi la questione degli italiani sequestrati a Bengasi. Con striscioni e cartelli, con in testa i due armatori dei pescherecci Antartide e Medinea, i cittadini di Mazara partiranno per la capitale con l'obiettivo di avere risposte dopo 16 giorni di apprensione. "Loro dicono che stanno bene ma noi sappiamo che non è così - dicono i familiari - noi li rivogliamo con noi". di Alan David Scifo