Tv, Lucci lancia Realiti: "Ad Asia preferivo Suor Cristina, farò concorrenza alla D'Urso"

video "Per ogni concorrente - spiega Enrico Lucci - ci sarà una clip di presentazione. La cosa fondamentale è la loro interazione coi social. Il nostro obiettivo è raccontare il reality planetario in cui tutti siamo immersi, tranne io. Tutti vogliono partecipare, dire la loro, farsi vedere". 'Realiti - Siamo tutti protagonisti' è il titolo del programma condotto da Enrico Lucci, in onda su Rai2 a partire da mercoledì 5 giugno alle ore 21.20 in diretta. La trasmissione presentata a Viale Mazzini mira ad essere il primo "Truman show dell'informazione" targato Rai2. Un conduttore 'pazzo' che si è autoconvinto di condurre un reality che nessuno gli ha mai chiesto e inconsapevoli concorrenti, che non hanno mai chiesto di parteciparvi. Tre "saggi" (giudici), che rappresentano le tante anime del paese, - l'attrice e regista Asia Argento, il rapper Luchè e lo scrittore Aurelio Picca e una giuria popolare - commentano i servizi in onda e si esprimono sui vari temi di attualità della puntata. Di Livia Crisafi

Il momento in cui ha conquistato i tifosi europei, Sarri non era in panchina

video Maurizio Sarri è stato immortalato dalle telecamere mentre osserva la medaglia appena conquistata dopo la vittoria dell'Europa League con il suo Chelsea. "E' un immagine stupenda", hanno commentato tanti utenti sui social network. Il video è diventato virale, soprattutto all'estero, e tutti hanno messo in evidenza la genuinità del gesto. Sarri è arrivato nel grande calcio tardi, la sua storia comincia nel 1990, quando allenava lo Stia in seconda divisione e allo stesso tempo lavorava in banca. Un viaggio lungo trent'anni fino alla consacrazione internazionale

Mika torna con 'Ice Cream' e da novembre è in tour

video Mika torna con un nuovo singolo in uscita oggi in tutto il mondo 'Ice Cream', in attesa del nuovo album 'My Name Is Michael Holbrook' dal 4 ottobre. Frutto di due anni di scrittura tra le pareti domestiche tra Miami, Londra e la campagna toscana, 'My Name Is Michael Holbrook' ci porterà a scoprire l'essenza dell'identità di Mika, a partire dal suo nome anagrafico, passando per i rapporti familiari e un bagaglio di piccole e grandi esperienze, tra momenti di leggerezza e struggenti episodi chiave della sua vita e della sua famiglia, come spiega Mika stesso: "Sono andato alla ricerca di chi avrei potuto essere, se non fossi stato Mika. Certi artisti si cimentano con un alter ego artistico, dal grandioso David Bowie con Ziggy Stardust, fino a Beyoncé con Sasha Fierce. Io ho fatto il contrario, sono andato a scoprire l'uomo dietro l'artista". Il tour italiano parte il 24 novembre da Torino. Polydor / Universal Music

Asia Argento torna in tv: "Non chiedetemi dei c... miei e di Morgan, questa è la mia rivalsa contro i bastardi"

video E' stato presentato a Roma il nuovo programma di Enrico Lucci "Realiti, siamo tutti protagonisti" che andrà in onda su Rai2. Asia Argento, che sarà una dei tre "saggi" (giudici) del programma, durante la conferenza stampa ha dichiarato: "Se non fossi venuta qui come, sarei stata protagonista come concorrente visto che qualsiasi stronzata metto io su Instagram, diventa una questione da discutere. Se siete venuti qui per chiedere dei cazzi miei e di Morgan, potete anche non farlo". L'attrice ha poi risposto a delle domande dei gionalisti: "Si è vociferato che potessi fare altri programmi, ma Realiti mi interessa di più, mi interessa parlare di attualità, ho molti punti di vista. In questo momento della mia vita è giusto mettermi in gioco come rivalsa anche contro voi di Libero". E ha aggiunto: "La mia è una rivalsa, non una lamentela. È una battaglia contro i bastardi". Di Livia Crisafi

"Dream è l'anagramma di...": il monologo di Massini è una durissima lezione a un razzista

video Il racconto di Stefano Massini, per la sua rubrica settimanale a Piazzapulita, su La 7, inizia con il tifo razzista di un padre alla partita di calcio del figlio e si trasforma in una riflessione sul linguaggio dell'odio e sulla retorica con cui spesso ci si trovaa contrastarlo. L'insulto del genitore al ragazzino della squadra avversaria, di appena 11 anni, diventa espressione di tutti coloro che hanno paura del diverso e della diversità. E offre a Massini l'occasione per un sfogo applauditissimo sui social Video: La7

Fiumicino, la guerra contro le svastiche: dopo i sonetti arrivano i dipinti famosi

video Un nuovo capitolo si aggiunge al botta e risposta per le strade di Fiumicino. Prima i sonetti dei poeti ed ora i dipinti dei pittori per coprire le scritte di Forza Nuova e i simboli di matrice neofascista che tappezzavano il centro del comune laziale. "Il Quarto Stato" di Pellizza da Volpedo, la "Primavera" di Botticelli, la "Crocifissione di San Pietro" di Caravaggio, la "Creazione di Adamo" l'affresco di Michelangelo nella Cappella Sistina, ma anche opere di Magritte, Van Gogh, Modigliani, Dalì, Klimt ed altri ancora. Leggi I capolavori contro le svastiche