Ucraina, nel reparto Covid di Kharkiv i medici non sanno se salvare i pazienti dalla malattia o dalle bombe

video Nella città di Kharkiv devastata dalle forze armate russe i medici dell’ospedale per malattie infettive devono scegliere se salvare i pazienti dalle bombe o dal Covid. Chi è in grado di spostarsi viene trasferito nel seminterrato, chi ha bisogno continuamente di ossigeno rimane a letto mentre fuori dalla finestra vengono colpite case, asili nido e anche ospedali. Per ora non mancano medicine e attrezzatura, ma i medici si preparano al peggio. Un colonnello in pensione istruisce tutti gli operatori all’utilizzo delle maschere antigas nel caso si verifichi un attacco chimico.A cura di Sofia Gadici

Si può creare una copia digitale del cervello, ma il problema è quando non ci saremo più

video Un progetto europeo chiamato Neurotwin vuole fare copie virtuali dei cervelli. Ma cos’è una replica o gemello digitale del cervello? "L'avatar digitale è essenzialmente un modello matematico in esecuzione su un computer", spiega Giulio Ruffini, coordinatore del progetto Neurotwin e cofondatore di Neuroelectrics, una startup tecnologica sanitaria spagnola che sta sviluppando terapie non invasive per disturbi neurologici come l’epilessia. "Non è una copia fisica di un cervello, ma un software per fare simulazioni del cervello di una persona nello specifico". In futuro potrebbe essere importante per scegliere le terapie migliori per i pazienti. a cura di Eleonora Giovinazzo

Champions League, Allegri: "Parlare di fallimento della Juventus è disonestà intellettuale"

video "Parlare di fallimento è dinonestà intellettuale, non è che dobbiamo vincere per forza perché ci chiamiamo Juventus. Ho sempre detto che in Europa ci sono dieci squadre di un livello superiore alla nostra: questo è un dato di fatto". Così l'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, dopo il 3-0 subìto in casa dagli spagnoli del Villarreal, che ha comportato l'eliminazione dei bianconeri negli ottavi di finale della Champions League.Ansa

Dall'Ucraina alla Spagna: il lungo viaggio dei leoni salvati dalla guerra

video In Ucraina anche gli animali sono in cerca di salvezza. L'associazione Animals Asia, in collaborazione con L'Enpa, ha portato in salvo sei leoni e quattro tigri da un centro di recupero alle porte di Kiev. Una carovana guidata da Natalia Popova del Save Wild Found di Kiev e da Ewa Zgrabczynska, direttrice dello zoo polacco di Poznan, ha attraversato l'Europa con i grandi felini salvati da zoo e centri di recupero bombardati. Due le tappe, in Polonia e in Belgio, prima di arrivare in Spagna. "Quando dall'Ucraina ci hanno chiamato chiedendo cibo e medicine per questi grandi felini, abbiamo pensato subito a mettere in piedi una sorta di catena di solidarietà", racconta Carmen Aiello, responsabile di Animal Asia. Il lungo e complicato trasferimento è stato organizzato grazie all'ong olandese AAP Rescue Centre for Exotic Animals e all'associazione spagnola AAP Primadomus, che ha accolto i sei leoni arrivati nel centro di soccorso di Villena, vicino ad Alicante, dopo due settimane di viaggio. Le tigri ora sono in Belgio, al Natuurhulcentrum. A cura di Fiammetta CupellaroAap