Metropolis/27 - Con le Mani (Pulite) ciao ciao. Con Gherardo Colombo, Stefano Cagliari e Elena Stancanelli. In studio Carlo Bonini e Carlo Damilano (integrale)

video A trent'anni dall'arresto di Mario Chiesa ripercorriamo l'inchiesta che ha messo fine alla Prima Repubblica. Cosa è restato di Tangentopoli. Quanto e come è cambiato il metodo di finanziamento della politica, dove resiste la corruzione. Ne parliamo con Gherardo Colombo, magistrato del pool di Mani Pulite, Stefano Cagliari (figlio di Gabriele Cagliari, morto suicida in carcere il 20 luglio del '93) e Elena Stancanelli (autrice de "Il tuffatore" dedicato a Raul Gardini). Nella puntata anche due estratti in anteprima dal documentario di Antonio Nasso "L'anno del diluvio", dedicato al 1992, che si troverà integralmente on demand sul sito di Repubblica e tutte le testate del Gruppo Gedi. Apre la puntata il video-editoriale di Filippo Ceccarelli. In studio: Carlo Bonini (vicedirettore di Repubblica) e Marco Damilano (direttore dell'Espresso). In collegamento, Piero Colaprico, oggi scrittore e firma di Repubblica, che ha seguito tutta la vicenda di Mani Pulite per il giornale. Con un servizio di Luca Piras e Maurizio Crosetti. Conduce Gerardo Greco Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Pugni, cadute rovinose e tv rotte con la testa: la realtà virtuale può far male

video Nel metaverso, e più in generale nella realtà virtuale, anche gli scenari più rischiosi in realtà sono innocui. Il problema, semmai, sono i movimenti che gli utenti fanno nel mondo reale quando indossano un visore. E lo spazio limitato a disposizione. In questo videoblob, una raccolta di infortuni casalinghi. L'articolo - La storie tragicomiche di chi si fa male in realtà virtuale: incidenti domestici cresciuti del 31%Video YouTube

Donne nella scienza, Serena Zacchigna all'Immaginario di Trieste

video I comportamenti che si adottano da giovani possono avere conseguenze a lungo termine, aumentando il rischio di patologie anche gravi come i tumori o le malattie cardiovascolari. È molto importante, quindi, stare attenti alle decisioni che si prendono e alle abitudini che si abbracciano, fin da bambini. Ne ha parlato ieri pomeriggio all’Immaginario scientifico la docente di Biologia molecolare dell’Università di Trieste Serena Zacchigna, nel corso dell’incontro “Abbi cura di me” organizzato in occasione della “Giornata internazionale delle donne nella scienza”. Video di Francesco Bruni