Gigi D'Alessio positivo al Covid: "Non sarò in tv a Capodanno"

video "Anch'io sono a casa con il Covid". Così Gigi D'Alessio su Instagram spiega di essere quindi costretto a saltare il Capodanno di Rai1. "Dopo 5 tamponi antigenici risultati tutti negativi - racconta -, ho fatto il molecolare ed è risultato positivo. Ho una carica virale bassissima, forse perché sono vaccinato". "Fortunatamente sto bene - dice ancora -, farò la quarantena a casa aspettando il nuovo anno. Vi faccio i miei auguri di buon anno, ma soprattutto vi auguro una buona vita".Video Instagram - Gigi D'Alessio

Le star raccontano le proprie malattie sui social: esempi di forza e coraggio

video Jada Pinkett Smith, l'attrice moglie di Will Smith da anni sofferente di alopecia, ha deciso di liberarsi di turbanti e capelli posticci e affrontare a viso aperto la malattia autoimmune che porta alla perdita dei capelli, fino alla loro totale scomparsa. Lo ha fatto con un post su Instagram in cui mostra i segni sul cuoio capelluto. L'attrice, che sarà nelle sale cinematografiche a gennaio 2022 con Matrix Resurrections, sdrammatizza il messaggio dicendo: "io e questa alopecia diventeremo amiche". Sono tante le star che decidono di mettersi a nudo sui social, dichiarando la propria malattia e offrendo ai follower un esempio di forza e di positività.di Rosita Gangi

A Trieste torna "Ti porto un libro": Mary Barbara Tolusso racconta Proust

video «Ti porto un libro, perché il mare di Proust è infinitamente simbolico e le pagine della “Recherche” schiudono le possibilità infinite del vasto orizzonte, ma segnano anche i nostri limiti: e questo, forse, contribuisce a farci sentire meno soli ...». La scrittrice e poetessa Mary Barbara Tolusso è la protagonista del nuovo video racconto del progetto “Ti porto un libro”, dedicato alle più belle pagine scritte intorno al mare, promosso dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale in collaborazione con Fondazione Pordenonelegge, per il coordinamento di Vanna Coslovich, responsabile relazioni esterne dell’Autorità Portuale e di Valentina Gasparet, curatrice di pordenonelegge. Dopo i video-racconti di Pino Roveredo, Federica Manzon, Veit Heinichen, Paolo Rumiz e Pietro Spirito, la piccola “biblioteca digitale” dedicata alla letteratura di mare si arricchisce di una nuova video-produzione, dedicata al mare di Marcel Proust: quello di Balbec che affiora nel capolavoro “Alla ricerca del tempo perduto”, e al tempo stesso quello di Trieste, il golfo del Nord Adriatico che traspare dalle pagine del quarto capitolo, dedicato a “Sodoma e Gomorra”. Trieste, quindi, come approdo simbolico e snodo cruciale verso le successive pagine proustiane de “La prigioniera”: Trieste con il suo mare “incontrollabile”, dove il sentimento della gelosia fluttua dirompente. Spiega Mary B. Tolusso che in Proust «la gelosia a Trieste sembra trovare il suo epicentro, nell’inseguimento del tempo e della vita che sfuggono, e che non riusciamo più a trattenere. Il mare di Proust è complesso, assume forma mutevoli e inquietanti: proprio come la gelosia, che il viaggio progettato da Albertine a Trieste renderà ingovernabile e imprevedibile per Marcel, l’io narrante della “Recherche”». Suggestivo set, ancora una volta, è il Porto di Trieste, tra navi, gru, treni e container. Le riprese di questo video racconto sono state effettuate al Molo V, a bordo della mega nave traghetto RO-RO Troy Seaways dell’armatore danese DFDS, che impiega 62 ore sulla rotta Istanbul/Trieste e riecheggia, nel nome, il celebre sito archeologico turco, patrimonio Unesco.