Tennis, Paolini e Samsonova palleggiano a 3.466 metri di altitudine: è record

video "Ciao Roger!". In attesa di esordire nel Courmayeur Ladies Open, la toscana Jasmine Paolini e la russa Liudmila Samsonova sono salite fino a Punta Helbronner grazie a Skyway, la funivia che da Courmayeur porta nel punto più alto raggiungibile, di fronte alla maestosa vetta del Monte Bianco, e hanno salutato Roger Federer perché gli hanno rubato il primato: le due atlete hanno infatti effettuato il palleggio più alto nella storia del tennis, a 3.466 metri, 12 in più rispetto a quanto fatto da Federer e dalla sciatrice Lindsey Vonn nel 2014.Courmayeur Ladies Open

San Siro, il sindaco di Milano Sala: "Incontro positivo con i club, ci rivedremo in settimana"

video "La volontà di andare avanti c'è. Stiamo cercando una soluzione. Ci rivedremo, penso, già in settimana". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, dopo aver discusso con i dirigenti di Milan e Inter del nuovo impianto calcistico che sostituirebbe il Meazza: "Capisco le ragioni delle squadre - ha detto Sala - perché a livello internazionale ci vuole un impianto moderno. Io a mia volta devo far capire loro le nostre ragioni: vogliamo un progetto accettbile dal punto di vista della sostenibilità, quindi dei volumi in gioco. Se da entrambi i lati facciamo un passo verso l'altro si può essere positivi".Ansa

Malamovida, il sindaco di Cologno Monzese posta sui social il video della bravata: "Delinquenti"

video di Lucia Landoni Movida violenta a Cologno Monzese: i sabati sera senza freni di alcuni giovani sono un problema che non rimane confinato a Milano, ma è purtroppo diffuso anche nell’hinterland. Il sindaco di Cologno, il leghista Angelo Rocchi, ha postato su Facebook il video girato nel weekend appena concluso da una telecamera di sorveglianza: le immagini mostrano dei ragazzi che usano gli ombrelloni all’esterno di un bar come giavellotti e ne scagliano lontano anche i basamenti. "So che divulgare sui social filmati del genere può in alcuni casi essere controproducente e ostacolare il lavoro di chi sta svolgendo le indagini per individuare i responsabili – spiega il primo cittadino – Ma ho comunque deciso di farlo perché voglio che le famiglie si rendano conto del livello di gravità a cui sono arrivati certi comportamenti giovanili". Proprio per questo Rocchi non ha usato mezzi termini nel commento che accompagna il breve video, definendo i protagonisti "una banda di delinquenti" e la loro "una spedizione figlia della maleducazione, della strafottenza e dell’ignoranza". Nelle strade di Cologno Monzese ci sono già circa 90 telecamere e l’obiettivo dell’amministrazione comunale è arrivare a quota 100 entro Natale, "ma la videosorveglianza è più efficace quando si tratta di individuare un’auto, grazie alla targa – continua il sindaco – In questo caso risalire all’identità dei responsabili dell’atto vandalico non è semplice". Il comportamento violento di tanti ragazzi, non solo nel suo Comune, può essere secondo Angelo Rocchi una conseguenza dei lunghi periodi di lockdown, mal sopportati in particolare dai più giovani: "Ho due figlie adolescenti e so bene quanto loro e i loro coetanei abbiano sofferto – sottolinea – Rimanere chiusi in casa in quello che dovrebbe essere il periodo più bello e spensierato della vita è stato senz’altro devastante. Questo non giustifica certo i vandali, ma fa riflettere". Video Angelo Rocchi sindaco di Cologno Monzese

I soldi? Nascosti in lavatrice: Gdf di Brescia trova 102mila euro tra i vestiti durante una perquisizione

video E' di 14 arrestati e tre fermati il bilancio dell'inchiesta della procura distrettuale antimafia di Brescia su presunte estorsioni con metodi mafiosi. Le forze dell'ordine hanno fermato tre persone perché durante le perquisizioni sono emersi centinaia di migliaia di euro in contanti. Tra loro, un commercialista bresciano che aveva 102 mila euro nascosti in lavatrice, come si vede dalle immagini delle perquisizioni.Guardia di Finanza di Brescia

Ictus cerebrale: come riconoscere i sintomi e come fare prevenzione

video L'ictus cerebrale colpisce 150.000 italiani ogni anno. Sono circa un milione i sopravvissuti, con esiti più o meno invalidanti. È fondamentale intervenire il più precocemente possibile, riconoscendone subito i sintomi. L’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale (A.L.I.Ce) li descrive. La World Stroke Organization ha voluto, per questa edizione 2021, accendere i riflettori sul tema della prevenzione, lanciando l’hashtag #DontBeTheOne: "1 persona su 4 verrà colpita da ictus nel corso della propria vita, non essere tu quella persona”, sottolineando il fatto che ben l’80% di tutti gli ictus può essere evitato, partendo dalla individuazione dei fattori di rischio sui quali ognuno di noi può intervenire e facendo prevenzione. A cura di Eleonora Giovinazzo