Venezia 76. La tv alla Mostra, Cristina Donadio: "La mia Scianel ritornerà e scopriremo come è diventata la iena che era"

video L'attrice si siede sul divano di Friends, allestito nella hall dell'hotel Excelsior da Elle e Warner Bros per i 25 anni della serie, e racconta il suo ultimo progetto, un corto ispirato a quello che ha vissuto quando ha saputo del cancro al seno. E ci rivela il progetto di spinoff di 'Gomorra' al quale sta lavorando col produttore della serie. Intervista di chiara Ugolini Video di Nicola Roumeliotis

Appennino tosco-emiliano, la volpe e il lupo a spasso insieme

video Una delle fototrappole posizionate all'interno del Parco nazionale delle Foreste casentinesi, che si estende fra Romagna e Toscana, ha ripreso un'altra scena curiosa, oltre all'ululato del lupo e la risposta del branco (video): quella di un lupo e una volpe a spasso insieme. Ma ecco che le loro strade si dividono, quasi si siano resi conto di essere spiati e vogliano seminare i "paparazzi"...Riprese a cura del Servizio Pianificazione e Gestione delle Risorse, in collaborazione con il Reparto Carabinieri Foreste Casentinesi.Video: Parco nazionale Foreste casentinesi

"Pane, pace e mortadella": in Oltretorrente la contro Cena dei mille

video Andrea Mora di Officina Popolare, sarcasticamente vestito di giallo come la ragazza di Parma 2020, racconta il senso della serata organizzata sotto i portici dell'Ospedale Vecchio. Una contro Cena dei mille per far sentire "la voce di un'altra parmigianità". "Compito di un Comune non è organizzare eventi di beneficenza, ma servizi sociali efficaci nel combattere il disagio, le situazioni di rischio, di solitudine, di esclusione. A quella parmigianità patinata che dopo decenni di gravi danni per le casse pubbliche e per il territorio ancora si mette in mostra, crediamo sia giusto argomentare con gli strumenti di un'altra parmigianità. Un invito sincero rivolto al Comune di Parma a ripensare le proprie azioni in un’ottica più ampia e inclusiva".Officina Popolare

Dopo FaceApp arriva Zao: l'applicazione che ti trasforma in un attore di Hollywood. Ma è allarme privacy

video Si chiama Zao e ha già conquistato milioni di cinesi. Con un semplice selfie, caricato su questa piattaforma dal nostro smartphone, è possibile sostituirsi all’attore protagonista del nostro film preferito. In questi giorni i social si stanno riempiendo di video stravaganti in cui si vedono le facce di Leonardo di Caprio o Robert Downey Jr. assumere improvvisamente i tratti di visi orientali e l’effetto è davvero realistico. Come per applicazioni precedenti, ad esempio FaceApp (che ti consente di "invecchiare" artificialmente), sorge però il dubbio della sicurezza delle informazioni che gli utenti forniscono e di come i selfie possano essere riutilizzati dall’applicazione senza il nostro permesso. Zao però rassicura e promette: divertimento assicurato. A cura di Sofia Gadici